Immagine 244
Immagine 244

Per Procida: Perché gli impianti sportivi non sono stati ancora assegnati alle associazioni?

PROCIDA – (Comunicato Stampa gruppo “Per Procida”) -In una recente puntata della trasmissione radiofonica “Ken Domenica”, in onda sulla web radio “Procida Radio” abbiamo avuto modo di ascoltare le dichiarazioni di Andrea Barone, presidente dell’Associazione Sportiva Procida Futura, il quale sottolineava e lamentava il fatto che, quando oramai siamo giunti a metà del mese di ottobre, gli impianti sportivi comunali dell’isola ancora non sono stati assegnati alle associazione sportive che ne hanno fatto legittima richiesta.

Il fatto ci sembra di estrema gravità e, considerato che gli stessi impianti non sono interessati da lavori che ne pregiudicano la fruibilità, non riusciamo a comprendere il motivo del perché dell’accaduto.

Rimarchiamo l’importanza che tali attività svolgono nel tessuto sociale dell’isola in quanto, soprattutto per molti giovani, rappresentano un punto di riferimento pulito e positivo in grado di sottrarli da ben altre “distrazioni” di cui anche la nostra isola non è, purtroppo, immune.

Come gruppo “Per Procida” ci auspichiamo che il delegato allo sport, il consigliere Giovanni Scotto di Carlo, sappia al più presto dare risposte concrete alle associazioni, ai giovani, ai genitori e ai tanti volontari che praticano sport, in larga parte autofinanziandosi, e che, stante gli attuali ritardi, vedono anche compromessa la partecipazione ai campionati di categoria.

Potrebbe interessarti

quercia colpita

Infestazione del Cerambice della quercia a Procida

Dopo il punteruolo rosso che ha fatto strage di palme, un altro insetto minaccia la …

Un commento

  1. Egregio dott. Taliercio : Gli impianti sportivi dovrebbero essere ” prioritari ” rispetto a qualunque altra disciplina scolastica e non; l’armonia del corpo, come dicevano i salernitani, s’accompagna a quella dello spirito, e se i giovani non riescono ad indirizzare le proprie potenzialità nel giusto senso, lo devono alla mancanza di disciplina fisica e scolastica in genere . Le ore trascorse seduti tra i banchi di scuola, orientano male lo sforzo che la spina dorsale deve sopportare e, la circolazione del sangue viene oltremodo penalizzata da questa posizione fissa e frontale .
    Personalmente ho subito nella mia infanzia ed adolescenza questo tipo di educazione che io definisco ” costrittiva ” che mi ha procurato e mi procura non pochi disagi posturali .
    I danni sono irreversibili una volta acquisiti e, la prestanza fisica ne risente specialmente nelle situazioni sfavorite da un basso livello economico familiare .
    Di fatto si dovranno compensare le disarmonie causate da scarsa mobilità mediante ulteriori ore di attività sportiva pomeridiana, non sempre sostenibile dai meno abbienti o da chi non vuole o non può impegnarsi ulteriormente nelle ore extrascolastiche . Un cordiale saluto allo staff .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *