Home > Comunicati Stampa > Procida: Problemi in vista per i trasporti marittimi?

Procida: Problemi in vista per i trasporti marittimi?

vetrellaNota carica di preoccupazione (che di seguito riportiamo) quella che il vice presidente del Consiglio Comunale nonché delegato ai trasporti del Comune di Procida, Pasquale Sabia, ha inviato  all’Assessore Regionale ai Trasporti, Sergio Vetrella, circa la paventa sospensione da parte della società di navigazione Gestur di alcune corse OSP da e per Pozzuoli.

“Gent.mo Assessore, in questo  momento ho appreso dai pendolari e da avviso affisso alla biglietteria presso la Stazione Marittima di procida, che la Soc. Gestur intende sospendere le corse OSP da Procida per Pozzuoli delle 05.50  e da Pozzuoli per Procida delle  07.00 da domani 23 luglio 2013 senza alcuna motivazione plausibile. Ho chiesto  notizie al Circomare Procida che ha confermato tale comunicazione riservandosi i provvedimenti del caso.
Essendo le suddette corse di vitale importanza in quanto  vanno a colpire i tanti pendolari che hanno esigenze lavorative e gli autotrasportatori per gli approvvigionamenti dei commercianti,  la prego di  intervenire al più presto tramite i suoi uffici affinché tale soppressione venga annullata, configurandosi, oltre tutto, l’interruzione di pubblico servizio senza preavviso e senza motivazioni valide.
Appena avrò comunicazione scritta da parte del Circomare Le inoltrerò reclamo via fax interessando eventualmente la Prefettura.
Certo di un Suo sollecito intervento, e in attesa di riscontro in merito, Le invio i miei più distinti saluti. Pasquale Sabia Delegato ai trasporti Procida”.

L’auspicio è che la questione riesca a risolversi al più presto senza creare disservizi all’utenza.

Potrebbe interessarti

Scala: L’amministrazione propone aumento tassa di sbarco anche per i “Figli di Procida”

PROCIDA – Relativamente agli argomenti in discussione nel prossimo Consiglio Comunale, il consigliere Menico Scala, …

Un commento

  1. adesso anche la gestur vuole il finanziamento…..W l’italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *