Home > Eventi > Procida: Scompare Franco Ridda, il“ ribelle”

Procida: Scompare Franco Ridda, il“ ribelle”

franco riddadi Francesco Marino

Franco Ridda ci ha lasciato in una bella giornata di maggio. A Franco ci legano, insieme ad altri amici di “Semmarezio”, i migliori anni della nostra oramai lontana gioventù. Franco “suriccidd” era figlio di NARDINO, colui che lanciò la vespa a Procida e geniale meccanico. Pochi sanno che NARDINO fu l’inventore dello “scoop” il famoso cucchiaione conosciuto da tanti marittimi sulle petroliere. Franco aveva la meccanica nel sangue e fu un eccellente macchinista navale. Aveva le mani d’oro e fu discepolo del famoso Tramontana, noto pellettiere di Napoli, da cui Franco apprese le tecniche della lavorazione del cuoio. Le sue borse erano uniche e per chi avesse la fortuna di averla nel suo guardaroba sono un must della pelletteria procidana. Sposo irrequieto della moglie Adriana, fu un grillo ante litteram con la protesta civile nel sangue che lo ha portato a battersi a viso aperto contro le ingiustizie che hanno sempre attraversato la società procidana. Franco il “ribelle” era la voce di chi non aveva voce. Le sue filippiche sul web restano memorabili, ma la sua voce si spegne. Restano in noialtri i ricordi della gioventù, i suoi insegnamenti e soprattutto la sua onestà. Accompagniamo con mestizia Franco Ridda al suo riposo eterno. Guarda il video su Procida TV

Potrebbe interessarti

“My teaching is innovative, my teaching is inclusive”: tappa a Procida per l’Erasmus

PROCIDA – Mercoledì 16 Maggio, nella cappella di Santa Maria della Purità ubicata nel borgo antico …

4 commenti

  1. Geppino Pugliese

    Non so dire tante parole

    in questo momento ,ma una cosa posso dirla : Ho conosciuto franco negli ultimi anni della sua vita,così tramite un amico comune,

    ebbene ho apprezzato in quest’uomo molte virtù ,la sua indipendenza di pensiero e di azione : mi ha insegnato tantissime cose,grazie fra’.

    Certamente hai lasciato un buonissimo ricordo di te, a tutti i procidani : se c’è veramente un GIUDICE SUPREMO ,Questi te ne darà riconoscenza eterna.

  2. Davide Zeccolella

    Ho conosciuto Franco qualche anno fa grazie alle nostre simpatiche conversazioni su Procidaniuse di Peppino Capobianchi (Geppino spesso interveniva nei nostri scambi di messaggi) …oggi con piacere ne ho riletta qualcuna. Curiosissimo, polemico, vivace, dai mille interessi, con Franco si poteva parlare per ore la sera (fin quando era lui per primo ad addormentarsi…) dei più vari argomenti o condividere lo spettacolo dell’eclissi di Luna mentre con il suo piccolo telescopio già ricercava gli anelli di Saturno. Sicuramente ci mancherà…CIAO FRANCO!

  3. antongiulio traiola

    Sempre alla ricerca di una srada per liberare Procida dalla cappa del sottogoverno e delle ingiustizie prima la sinistra classica poi ante litteram di occupy PD con Di pietro poi con Grillo ricordo le nottate nel mio giardino per trovare una strada per liberare Procida ciao compagno di tante lotte

  4. Franchino Vacca

    Ciao Franco, amico d’infanzia di Sammarezio – un altro che se ne va – ha ragione Tonino Sabia, che ogni volta che ci vediamo, mi dice “abbracciamoci Franchino, siamo sempre in meno”. Riposa in pace, caro Franco, sei andato a raggiungere i tuoi fratelli più piccoli.
    Le mie più sentite condoglianze alla cara Adriana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *