tuteliamo diritto salute
tuteliamo diritto salute

Procida: Si continua a dialogare per questione ospedale rimanendo ferma l’azione legale

PROCIDA – (c.s.) Ieri è stata discussa l’udienza dinanzi al TAR Campania-Napoli riguardo la sospensione del decreto commissariale n. 33 del 17.05.2016 (pubblicato sul BURC in data 23 maggio 2016) e che di fatto priva l’isola di Procida di un Pronto Soccorso h24 che assicura la gestione della prima indispensabile emergenza sanitaria. Oltre al ricorso proposto dal Comune di Procida, vene è stato un altro proposto da privati cittadini nonché da parte di consiglieri di opposizione, per cui l’Avvocato Gherardo Marone, difensore dell’Ente, ha fatto presente l’opportunità di discutere insieme i ricorsi. Difronte tale richiesta il processo è stato rinviato all’udienza del 6 luglio: a tale udienza si discuterà se sospendere o meno il decreto commissariale. Probabilmente, salvo immediate decisioni del TAR, vi sarà poi il rinvio ad altra ulteriore udienza per discutere del merito della questione. Ad ogni modo, da una prima disamina degli atti processuali emergerebbe da parte del Commissario Polimeni una difesa del contestato Piano Ospedaliero: probabilmente una scelta processuale, per non sconfessare apertamente quanto disposto fino ad oggi. Come Amministrazione abbiamo il dovere di credere nelle rassicurazioni ricevute anche presso il Ministero della Sanità, per cui continueranno le interlocuzioni a tutti i livelli col Ministero, Commissario e Regione Campania. Al contempo proseguiremo l’azione legale in tutti i gradi di giudizio, fino a quando non otterremo un atto espresso che revoca l’abrogazione del Pronto Soccorso h24. La strada è lunga e difficile, e scongiurando ogni speculazione politica su una questione del genere, non lasceremo nulla di intentato per tutelare il diritto alla salute dei procidani e dei loro ospiti sull’isola.

Potrebbe interessarti

La Chiesa e la mancanza di vocazioni

Di Giacomo Retaggio Qualche giorno fa mi giunse un messaggio di don Vincenzo Vicidomini, parroco …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.