Procida. “ Sopra la Terra” vince il premio Unesco.

Di Giorgio Di Dio

A Procida , quando  cala la notte,  il mare    si muove con un lieve sussurro. All’alba, quando le tenebre si allontanano, le onde  ancora accarezzano lentamente le spiaggia.

Vista da giù Terra Murata appare come una fiaba, un’immagine coi confini appena tratteggiati, un’apparenza.

I colori sembrano raccontare una storia. Il connubio di grigi, di rossi sbiaditi, di rosa dipinge una favola.

Fonti di luce  e penombra, coni illuminati che sfiorano angoli  bui. Vicoli. La piazza che a molti ricorda un’infanzia lontana.

E la storia, storia antica che ancora trasuda dalle mura.

Fin da quando Terra Murata era “Terra Casata”, fin da quando si cominciava a formare il primo abitato intorno  all’Abbazia di Sant’ Angelo. Qui, sull’unica collina di Procida, trovavano rifugio gli abitanti di terre vicine saccheggiate dai Saraceni.

Oggi Procida è una dei comuni più popolati d’ Europa e Terra Murata il rione più visitato di Procida, pressato da un turismo incalzante che inonda le strade.

I problemi, però, sono notevoli. Il territorio è fragile, il patrimonio architettonico deve essere curato le strade hanno bisogno di manutenzione, il flusso turistico deve esser ben incanalato.

L’amministrazione comunale, si è mossa molto, risolvendo diversi problemi, come quello de bagni, assolutamente necessari per l’enorme afflusso turistico, istituendo un percorso e una segnaletica che indirizza il percorso. Ha messo in sicurezza il costone sotto l’abbazia, ma resta da fare il costone cha va dall’abbazia fino Santa Margherita, che, moltissimo tempo fa, già è caduto una volta e potrebbe cadere ancora. L’amministrazione ci mette tutto l’impegno possibile ma non è una cosa semplice.

Per essere di supporto all’amministrazione, per partecipare attivamente alla difesa del territorio e alla rappresentazione dei problemi, abbiamo sentito l’esigenza di costituire un comitato di quartiere. Il comitato, unico a Procida, è stato ufficialmente registrato il 15 novembre 2021.

Quando il Presidente del Rotary club di Procida ha invitato noi del comitato a collaborare al progetto “Sopra alla Terra: memorie e contemporaneità urbana della Terra Murata di Procida” non abbiamo esitato nemmeno un secondo.

Conoscendo il Rotary, il suo impegno nel sociale, nella difesa del bene comune, nella costruzione del futuro eravamo più che certi che sarebbe stata una bella avventura.

Non avevamo capito, però, che c’era un concorso, che c’era una giuria, che ci sarebbe stato un vincitore e un premio.

Dall’incontro dell’UNESCO e del Rotary club è nato il premio organizzato dalla Commissione Distrettuale Rotary “Città patrimonio dell’Unesco”

Al progetto “Sopra la terra” hanno partecipato il Club Rotary isola di Procida, Il Rotary Ischia isola verde, e il Rotary Pozzuoli, affiancati dal “Comitato Terra Murata”, dagli alunni della scuola media, e, soprattutto da tutti gli abitanti del quartiere, con il patrocinio anche dell’amministrazione comunale e degli altri otto club del Rotary dell’area Flegrea.

La realizzazione del progettò è stato un tuffo nella storia, nel tempo, nel profumo della nostalgia. Nomi e simboli perduti e ritrovati nei disegni dei ragazzi della scuola media in un corridoio del tempo in cui si incontrano passato e presente.

Attraverso pregevoli scatti fotografici il progetto ha disegnato un itinerario nell’antico nucleo di Terra Murata, nella sua architettura, nei suoi spazi di storia.

Il camminamento lungo le mura urbiche bastionate, la passeggiata lungo piazza d’Armi, Palazzo D’Avalos, via San Michele, la cittadella altomedievale della Terra Casata, la caratteristica scala interna del civico 2, via Guarracino, via Concetta Barra, via Borgo.

Una storia antica raccontata con scatti fotografici, filmati, disegni dei ragazzi.

Tutto frutto di ricerche, di impegno, di coordinamento.  Di echi del tempo, di un tempo immobile nel tempo che avanza.

La commissione del premio “Città e paesaggi del Unesco della Campania” ha assegnato il primo posto al “Club Rotary isola di Procida, Rotary Ischia isola verde, Rotary Pozzuoli, per il progetto “Sopra la terra” e la terra di cui si parla è., naturalmente “Terra Murata”

Il 17 giugno 2023, a Terra Murata, presenti numerosi autorevoli membri del Rotary, rappresentanti dell’amministrazione, cittadini, in una splendida mattina di sole, è stato ripercorso tutto l’itinerario del progetto, sono stati proiettati filmati, esposti i disegni dei ragazzi della scuola media e numerose fotografie patrimonio antico di storiche famiglie procidane

Questo viaggio nel tempo e nella storia sale per la strada che conduce questa antica rocca, sorvolando il miracolo della Corricella, scivolando accanto all’antico palazzo D’Avalos, passando per la porta che chiudeva fuori i Saraceni. Un viaggio che si confronta con il tempo, coi secoli che  che passano, con le cose che cambiano.

Nella vita si vince e si perde e non sempre quello che vogliamo viene esaudito ma è innegabile che l’unione fa crescere la nostra capacità di migliorare, ci dà maggiore forza per ottenere dei risultati.

E questa collaborazione di Terra Murata, del suo comitato di quartiere, con il Rotary, con l’amministrazione comunale, non può finire qui.

Ritrovare valori perduti, ma scegliendo di partecipare al presente, intensificare i dialoghi, intrecciare conoscenze deve esser una priorità

Terra Murata, come tutta Procida e come Ischia, non deve essere una cartolina illustrata, ma una terra in movimentò, un borgo antico che cresce nel mondo che cambia.

Potrebbe interessarti

“L’Odore del mare…ed altre fantasie”, il nuovo libro di Maria Francesca Borgogna

PROCIDA – “Solo chi ha vissuto su un porto sa riconoscerne l’odore che comincia a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *