Per Procida: come Vivara apre anche il Palazzo D’Avalos?

PROCIDA – (Comunicato stampa gruppo “Per Procida”) – Apprendiamo con piacere dal sito web del Comune di Procida che è possibile prenotare visite guidate per accedere sia all’isolotto di Vivara che nell’ex struttura carceraria e Palazzo d’Avalos a Terra Murata. Peraltro da organi di stampa apprendiamo che per il prossimo 10 settembre è prevista l’apertura della struttura ai visitatori (Vivara, invece, come si ricorderà, per gli stessi organi di stampa, mai smentiti pubblicamente dagli attuali amministratori, sarebbe dovuta essere aperta al pubblico nello scorso aprile).

Peccato però che, ad oggi, pur avendo richiesto agli Uffici Comunali, la documentazione tecnico amministrativa relativa alla messa in sicurezza, collaudi, sopralluogo e autorizzazioni Enti competenti, etc. relativa ai percorsi da aprire al pubblico all’interno ed esterno dell’ex struttura carceraria di Terra Murata, non abbiamo avuto ancora alcun riscontro. Forse gli Uffici sono troppo impegnati?

Così come, al momento, nulla è dato sapere  circa l’espletamento del bando attraverso il quale si sarebbe dovuto trovare un’associazione che si occupasse di accompagnare i visitatori. Considerato, poi, che questo tipo di attività non sarà, giustamente, a titolo gratuito e/o volontario bensì prevede un corrispettivo che il Comune dovrà versare all’associazione, come gruppo “Per Procida” riteniamo che tutte queste situazioni debbano trovare una opportuna e trasparente definizione prima che tali beni (speriamo) siano resi fruibili onde evitare possibili, quanto malaugurate, controversie.

In aggiunta sul sito istituzionale del Comune di Procida c’è la possibilità di fare pagamenti per le visite guidate a Vivara e al Palazzo D’avalos, a mezzo carte di credito, ma quanto costeranno???? Sarà un’offerta??

Potrebbe interessarti

Procida: Allerta arancione dalla mezzanotte. Domani chiuse le scuole e il cimitero

PROCIDA – La Protezione Civile della Regione Campania, ha emanato un nuovo avviso di allerta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *