sanità procida
sanità procida

Riformare la medicina di base

Di Michele Romano

Il Coronavirus ha messo in evidenza una preoccupante dicotomia: da una parte un alto ed efficace  ruolo delle strutture ospedaliere, dall’altra la dimensione fallimentare della continuità assistenziale territoriale sull’intera scala nazionale. Le aziende sanitarie locali si sono manifestate inadeguate, incapaci di svolgere la funzione di porta di ingresso che e accompagni con competenza, cura, attenzione il cittadino nei meandri del Pianeta Sanità. Esempio di tale declino, per noi isolani, è reso visibile dal volto esausto di due infermiere che, in balia delle onde, portano avanti la barca procidana.

Urge una rivoluzione copernicana da tempo auspicata ma sempre ostacolata da gretti egoismi, parassitarie rendiate di posizione della medicina di base. Come ? Costituire la Rete della Salute in cui la continuità assistenziale diventa circolare nel senso che scompare la figura del medico di famiglia, ridotto ad un burocrate di ricette, per dare vita ad un medico plurale in una turnazione delle 24ore giornaliere, utilizzando anche la telemedicina. Ciò implica che tutti gli operatori socio sanitari siano soggetti attivi proficui, attraverso una formazione permanente, selettiva, pronti ad essere gli angeli custodi di chi soffre, con una attenzione particolare agli ultimi, agli indifesi, ai gracili (bambini, anziani ).

Per gente di mare, come noi, che spesso da isolani si passa ad isolati, è necessario che la Rete della Salute, sia concepita compatta ed armoniosa con in pronto soccorso di alta qualità e garanzia alla salvaguardia immediata della Vita .

Ecco, in prossimità delle elezioni regionali, comunali, uno dei punti prioritari il servizio socio sanitario, insieme alla scuola, alla cura dell’ambiente, al solidale senso di comunità, all’ordine del giorno dell’agenda di coloro che avranno l’onere e l’onore di governare  .

Da credenti  della  speranza staremo in attesa.

Potrebbe interessarti

Procida: Elezioni comunali, risultati definitivi ed eletti

PROCIDA – Così sarà composto il nuovo “parlamentino” dell’isola di Graziella:         …

Un commento

  1. L’amministrazione delle strutture locali è stata per legge governativa
    affidata alle regioni che, devono organizzare e regolamentare
    gli interventi sanitari, scolastici di trasporto per mare e per terra, e
    di orientamento edilizio pubblico e privato .
    La gretta burocrazia viene ad essere evasa se, il sindaco ed i vari assessori
    ( sempre numerosi ) si attivano per bene e per tempo.
    In questa come in altre regioni conta la forza e la costante iniziativa
    dei funzionari locali che, eletti dalla base ” dovrebbero ”
    esser incontaminati ed incorruttibili sotto ogni aspetto .
    Ma chi controlla i controllori ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *