Home > S.O.S. SANITA’ PRIVATA : L’Unione Industriali della Provincia di Napoli convoca le OO.SS.

S.O.S. SANITA’ PRIVATA : L’Unione Industriali della Provincia di Napoli convoca le OO.SS.

Convocate ad un incontro urgente presso l’Unione Industriali della Provincia di Napoli CIGL, CISL, UIL ed UGL si sono confrontate con le Associazioni Datoriali in merito alle problematiche relative alla grave crisi della Sanità Privata.
Il Presidente dell’Unione Industriali Sanità della Provincia di Napoli, dott. Severino, ha aperto l’incontro annunciando alle OO.SS senza mezzi termini “il fallimento del sistema giunto ormai all’implosione totale”.
Drammatica la situazione emersa in un dibattito stringato e concreto, nel quale i rappresentanti dei vari settori quali Farmaceutica, Radiologia, Diabetologia, Ortopedia, Federlab. Aiop, ed Anisap si sono avvicendanti nell’illustrare le principali criticità dei propri settori , tutte sostanzialmente riconducibili a tre fattori fondamentali : finanziamento sottostimato, mancati pagamenti ed impignorabilità, la cui sinergia negativa sta determinando inevitabilmente una “assistenza stagionale” ed il “fallimento ex lege del comparto sanitario”.
Unanime ed urgente la richiesta di sostegno rivolta alle OO.SS. presenti, affinché con un documento congiunto, in elaborazione in queste ore, venga richiesta l’apertura di un Tavolo di Crisi presso la Regione Campania, ultima spiaggia per l’elaborazione di strategie di risanamento dell’emergenza in atto, che rischia di travolgere con la sua drammaticità i lavoratori del comparto.
La UGL SANITA’ Professioni Sanitarie, rappresentata dal Coordinatore Nazionale Dott. Salvatore Calvano e dal Coord. Provinciale di Caserta Alessandra Cirelli, nell’offrire disponibilità ed impegno per la risoluzione delle problematiche emerse, ha ritenuto doveroso sottolinearne la ricaduta sociale ed ha quindi rappresentato con forza le ragioni dei cittadini utenti e dei lavoratori, che sono le vere “vittime sacrificali” del nostro Sistema Sanitario.
Riteniamo inaccettabile la “stagionalità dell’assistenza”, che lede il diritto costituzionale alla salute dei cittadini, gia sottoposti a “super – ticket”, costretti poi a pagare per intero le prestazioni di cui necessitano, ed ancora a sovvenzionare con le proprie tasse. ammortizzatori sociali a fronte di prestazioni prescritte e non rese!
Riteniamo inaudito che l’adeguamento tariffario si limiti al rapporto ASL – Imprenditore e non si completi col rinnovo del CCNL , oramai scaduto da circa 4 anni per la parte economica e 7 anni per quella normativa!
Riteniamo gravissime le ripercussioni che tale implosione rischia di determinare sui livelli occupazionali del settore, tanto più inaccettabili in quanto tali riduzioni verrebbero effettuate a fronte di un fabbisogno sanitario crescente e in assenza di garanzia di ammortizzatori sociali.
Riteniamo scorretto che ogni esigenza di risanamento si traduca in danni ai cittadini e perdita di posti di lavoro, e nonostante ciò le organizzazioni di tutela dei cittadini e dei lavoratori siano chiamate solo alla concertazione dell’emergenza e non alla programmazione e riorganizzazione dei servizi!
Uniamo con forza la nostra voce a quella delle associazioni datoriali nel chiedere alla Regione Campania la rivisitazione del fabbisogno sanitario, l’equiparazione delle quote pro – capite, la regolarità dei pagamenti, il rispetto del decreto 12 per il recupero del credito pregresso e soprattutto la TRASPARENZA negli atti e nella gestione dei fondi, affinché anziché ridurre i servizi ed i posti di lavoro, si elimino truffe e sprechi, e con essi si stirpi il vero cancro del nostro territorio, la collusione fra politica e criminalità.
Napoli 16 Novembre 2011
UGL SANITÁ
IL COORDINATORE NAZ.LE PROFESSIONI SANITARIE Dott.Salvatore Calvano
IL COORDINATORE PROV.LE PROFESSIONI SANITARIE CASERTA Alessandra Cirelli

Comunicato Stampa

Potrebbe interessarti

Procida: Sole e Cute, giornata di studi il 1 Giugno presso il Comune

PROCIDA – Giovedì 1 Giugno alle ore 10,30 presso l’aula consiliare del Comune in via …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *