Home > cultura > Sagra del Mare: tradizione, cucina e cultura

Sagra del Mare: tradizione, cucina e cultura

PROCIDA – Serata di sapori ed allegria quella che si è tenuta il 1 agosto scorso nel borgo di Marina Chiaiolella, in compagnia delle magnifiche sette partecipanti a “Graziella 2018”, evento inserito nella 68^ edizione della Sagra del Mare, che avrà il suo momento più emozionante la sera del 5 agosto in piazza Marina Grande con l’elezione di colei che rappresenterà l’isola per un intero anno. Le giovani concorrenti si sono dimostrate sempre più affiatate e divertite in questo unico viaggio alla ricerca del nuovo volto di Graziella.

Molti i turisti intervenuti, attratti dal profumo irresistibile dei prodotti rigorosamente a km 0 provenienti dal mare e dagli orti procidani. Alici, limoni, pomodori, melenzane, lavorati dalle sapienti mani di “Grazielle”, mamme e zie, hanno reso la Chiaiolella un autentico scrigno di sapori mediterranei con le ricette della tradizione.

La giuria, presieduta dallo chef Angelo Imputato, che ha avuto l’arduo ma gratificante compito di gustare e votare i piatti, si è arricchita, con apposita estrazione a sorte tra i presenti, anche di una componente proveniente dal lontano Belgio, ma di nazionalità lettone, e di una compiaciuta ospite napoletana. La signora Angela Pernice e la signora Angela Rosato hanno completato la giuria, potendo valutare la fedeltà delle ricette alla nostra tradizione gastronomica.

La serata è trascorsa gradevolmente in un clima di grande coinvolgimento grazie alla conduzione brillante di Michele Assante del Leccese ed è stata molto apprezzata da tutti, consentendo alle giovani “Grazielle” di acquisire sempre maggiore disinvoltura in vista della serata finale.

Si è confermata molto indovinata l’intuizione dell’Assessore alla cultura Nico Granito di dedicare uno spazio di presentazione delle “Grazielle” alla nostra gastronomia, permettendo ai procidani di far conoscere ai graditi ospiti, italiani e stranieri, un ulteriore aspetto della nostra cultura.

Il dolce al limone è stato riconosciuto come meritevole del piazzamento d’onore, convincendo la giuria e consentendo all’aspirante “Graziella” Mariangela Lubrano, che lo aveva presentato, di sentirsi reginetta della cucina procidana per una sera.

Potrebbe interessarti

Questione ex Banco Napoli – Fratellizzi (Casartigiani): Penalizzati gli operatori economici

PROCIDA – «Siamo sconcertati – dice Maurizio Frantellizzi, presidente di Casartigiani Procida – che quella …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *