Home > politica > Vincenzo Capezzuto: “Ad oggi nessuno mi può sbattere fuori”

Vincenzo Capezzuto: “Ad oggi nessuno mi può sbattere fuori”

PROCIDA – In questi ultimi giorni di campagna elettorale, in vista delle sempre più prossime elezioni politiche fissate per il 4 Marzo, una polemica tutta isolana, sembra essere nata nel raggruppamento di centrodestra e precisamente nel partito di Forza Italia, al momento nelle mani del commissario Menico Scala. Infatti, l’ex Sindaco Vincenzo Capezzuto si è risentito, e non poco, di quanto riportato da alcuni organi di stampa a seguito di frasi relative ad una sua presunta “buttata fuori” dal partito che sarebbero state pronunciate da Luigi Muro nel suo discorso di adesione, avvenuto nei giorni scorsi in una manifestazione tenuta presso l’Hotel Savoia alla presenza del candidato alla Camera dei Deputati della coalizione nel collegio uninominale, avv. Severino Nappi. Sarà per questo che Vincenzo Capezzuto in una accorata nota scrive: “Il fatto che non sia arrivata una smentita, non significa che quella frase sia stata detta. Molti presenti affermano sia una invenzione giornalistica e conoscendo Luigi non penso che sia così ingenuo. Forse il giornalista presente sarà andato oltre le cose dette e, cercando di interpretare il senso di un incontro, dove, sembrerebbe, si sia parlato, marginalmente, delle elezioni politiche del 4 marzo, avrà dedotto che il senso fosse quello. Rispondo, allora, al giornalista e amico: “Nonostante tutto, ancora oggi, nessuno può avere l’interesse e la forza di sbattermi fuori”. Non ho abbandonato Forza Italia con l’entrata di Muro. Il mio dissenso nei confronti dei quadri dirigenti del partito è ben spiegato in un’intervista rilasciata alla stampa nel febbraio 2015. E’ difficile trovare in questa campagna elettorale motivi per appassionarsi e di conseguenza coinvolgimento. Bisognerà, ancora una volta, far leva su consolidati rapporti interpersonali. La Politica mi manca? Certamente, ma allo stesso tempo sono convinto che la stessa non può, e non debba, essere una ossessione né una necessità. Deve essere attrattiva, propositiva, emozionante, coinvolgente ….Ad oggi non sento un impulso così forte per ritornare in prima persona in campo.

Ho sostenuto e militato in questo partito dal 1994, nel bene e nel male, insieme a tanti altri che ancora oggi hanno la speranza che il miracolo liberale possa compiersi. A loro (Giorgio, Antonio, Rino, Menico e tanti altri) andrà il mio sostegno elettorale. Mi hanno chiamato numerosi rappresentanti di Forza Italia, in particolare, un esponente nazionale, mio caro amico, il quale mi ha dato la speranza che con l’arrivo di Antonio Tajani potranno cambiare tante cose. La Forza Italia “storica” a Procida, attualmente, detiene un consenso di oltre 1000 voti. L’entrata di Luigi sicuramente incrementerà il consenso locale verso questo movimento e Menico, nella sua qualità di commissario, riuscirà ad essere il giusto punto di equilibrio. Le Amministrative sono un’altra cosa.

Se decidessi di partecipare ad un tavolo di trattative politiche, lo farei insieme ad altri amici, ben sapendo che le Amministrative vanno al di là dei partiti.

Non voglio rinnegare nulla del mio passato politico e amministrativo, pieno di tante cose positive e anche di cose negative. Non sono così superbo da pensare che tutto il positivo faccia capo a me e il negativo ad altri. Chi mi conosce sa che ho tanti difetti, ma altrettanti pregi come la perseveranza che mi ha accompagnato durante tutta la mia attività amministrativa,

Chi mi conosce sa, pure che non risparmierò nulla nei confronti di coloro che cercheranno di abbinare il mio nome ad una narrazione distorta e non veritiera dei fatti”.

Potrebbe interessarti

Tassa di sbarco, evitiamo questa vergogna per i figli di Procida

di Giuseppe Giaquinto PROCIDA – Domani 13 agosto il Consiglio Comunale di Procida si appresta …

13 commenti

  1. Capezzuto come sempre equilibrato e positivo, riesce a convincere chi lo conosce e lo apprezza, indipendentemente dal colore e dal ministero al quale fa capo di volta in volta negli anni …
    Egli rappresenta la parte sana della popolazione isolana e con cognizione di causa posso affermare che,
    se rieletto potrebbe ottenere dai suoi sostenitori solidale apporto, e affettuosa condivisione nei tenzoni dove i suoi rivali non hanno scampo !
    Il suo signorile e pacato modo di porsi e frapporsi nelle questioni scottanti lo distinguono, da quelli che s’affannano a setacciare ogni possibile risorsa elettorale, ed in periodo favorevole stressano i cittadini
    con pressanti promesse difficili da mantenere !

  2. In vita mia

    ho sempre guardato la politica e i politicanti con freddezza e scevro da pregiudizi.

    Osservando con distacco questo battibecco mi rendo più conto che stiamo precipitando sempre più in basso.

    L’uno,ormai sul viale del tramonto politico,che dopo aver fatto acrobazie e giravolte…,tenta l’ultimissima carta : ” Far pesare sul piatto della bilancia elettorale… i residui voti che tuttora gli sono rimasti..”

    l’altro, il Capezzuto,orgoglioso, che dopo essersi dimesso,perchè non vuol fare il soldato semplice….,si è autoescluso da solo…

    ah, certo,lui vuole l’emozione,il brivido… ma la politica è un’altra cosa…

    mi fermo quà…..forse è meglio..

  3. Rappresentate? Nessuno pubblicizzato come Severino nappi

  4. E’ nota e necessaria la contesa di cittadini che, per un verso o per l’altro sono coinvolti dalla vita politica ed economica di ogni territorio .
    Sta di fatto che l’isola è abitata da un numero proporzionato di anime residenti e non si può chiedere a tutti un opinione di governo !
    Quando sono troppi galli a cantare … non fa mai giorno !
    Intanto sarebbe utile stabilire chi, ai propri privati e pubblici impegni, può anteporre l’interesse di ogni privato contribuente al proprio, onde sostenere a lungo e con argomenti validi, la propria candidatura, impegnandosi con idonei
    e concreti vincoli a ottenere le chimere promesse in fase elettorale!

  5. In periodo elettorale, come nell’anno 1994, avvengono alleanze,
    confluenze e convenienze che, se reciproche
    possono sortire in fatti concreti; come
    quando m’ è stata offerta una campagna pubblicitaria gratuita
    pur di ottenere maggiori quote rosa
    nel partito dove ” non ho mai in precedenza militato “.
    Ciò però non è di garanzia ad un buon operare … anzi…
    Vincenzo Capezzuto, indipendentemente da ogni corrente avversa, garantisce a proprio titolo serietà e professionalità di vedute,
    egli ” agisce ” in coerenza a ciò che professa;
    eleggerlo o appoggiarlo significherebbe certezza di entrata anche se,
    non sempre e comunque vi possono essere risultati eccellenti !
    La politica è composta da uomini, in condizioni di vulnerabilità,
    possono vincere ma anche fallire, nelle loro scelte e tecniche .

  6. i nodi vengono al pettine. La sentenza che condanna Dell’Utri nella trattativa stato mafia. La vergogna di forza Italia con le parole di Berlusconi oggi in Molise offendendo milioni di elettori.

  7. In ogni contesa politica come, culturale o religiosa, chi vuole vincere
    deve adoperarsi a tal fine . Tollerare le critiche, anche se non sempre e comunque gradite, adoperare tatto con i concorrenti di squadra e,
    adeguarsi ad ogni possibile esito, pur se indesiderato .
    Concorrere .. lo definisce la parola… può significare cedere a modesti compromessi che, non infamano la propria immagine !
    Interessante è partecipare…
    Ogni corrente politica può contenere in se valori base ma, se si impongono senza rispetto, stima per l’avversario di campo non si è degni di competere !
    La politica è innanzitutto equilibrio di forze che, anche se opposte
    cercano di comune intento un comune denominatore atto, a far confluire interessi reciproci . Adeguarsi e adoperarsi in modo che, ogni squadra
    possa con ogni proprio limite, produrre reddito e risorsa, dovrebbe essere auspicio e desiderio comune, costante di ogni giunta o partito !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *