Volaviamare, cosa cambia per chi viaggia nel golfo di Napoli

NAPOLI – Il gruppo Volaviamare informa l’utenza che, in concomitanza con la crescente attenzione sul coronavirus, la compagnia – seguendo le indicazioni dell’OMS e delle autorità sanitarie locali – ha incrementato le operazioni di igienizzazione, sanificazione e sterilizzazione delle proprie unità. Una particolare attenzione supplementare è dedicata alla condotte di condizionamento, già abitualmente trattate con prodotti sanificanti e igienizzanti. I membri dei singoli equipaggi e il personale tutto, inoltre, sono da settimane opportunamente formati sulla situazione e sono a completa disposizione dell’utenza.
La riduzione di qualsiasi rischio è di prioritaria importanza per la compagnia, che ha opportunamente previsto una riduzione della stazza passeggeri delle unità e una gestione delle code agli imbarchi che rispetti la distanza di un metro tra i passeggeri.
All’utenza si raccomanda di seguire con attenzione le norme diramate dal Ministero della Salute, che continuano ad essere evidenziate a bordo delle unità e, in particolare, di provvedere a lavarsi le mani con frequenza, per almeno 20 secondi, evitando di toccare il proprio viso, gli occhi la bocca e il naso, ed evitando contatti con gli altri passeggeri.
Si ricorda inoltre all’utenza che nei porti della terraferma, in ottemperanza all’apposita ordinanza regionale, a tutti gli passeggeri diretti all’imbarco personale medico dell’Asl misurerà la temperatura e chiederà informazioni su provenienza e condizioni di salute, insieme all’esibizione di un documento.

I passeggeri potranno imbarcarsi solo dopo un visto degli operatori sanitari che attesta l’effettuazione del controllo. In caso di eventuali sospetti – febbre oltre 37.5 e condizioni di possibile contatto con pazienti risultati positivi – i sanitari inviteranno gli utenti a controlli più approfonditi con un medico dell’Azienda Sanitaria, di cui la compagnia non è in alcun modo responsabile.

Potrebbe interessarti

fauno caremar

PER LA REGIONE CAMPANIA L’ISOLA DI PROCIDA MERITA IL “LOCKDOWN” A VITA

di Giuseppe Giaquinto La Regione Campania ci fa sapere che da lunedì’ 11 maggio, con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *