Home > Beppe Grillo > Chi si nasconde dietro la TAV?

Chi si nasconde dietro la TAV?

Piena solidarietà va a tutto il popolo NO TAV che sta lottando per difendere un territorio da un mostro inutile come la linea ferroviaria Torino Lione.

Dal blog di Beppe Grillo – Sto seguendo quello che sta succedendo. Un ferito grave in val di Susa, l’accerchiamento della baita con persone dentro. Di nuovo violenze. Uno è caduto da un traliccio ed è grave in ospedale. A chi servono queste cose? Perché, porca di una puttana, io vorrei apire cosa c’è dietro questo sistema!

[youtube 9J1ieZuSzNQ]

Lo capirebbe anche un bambino che non serve la Tav: un tunnel di 50 km sotto un monte. Sono contro anche il partito di Sarkozy e la Corte dei Conti francese. Sono cifre che non stanno in piedi. Progetti di 15-20 anni fa. Quando le merci giravano. Oggi i camion sono vuoti. Si spostano container vuoti. È la fantascienza dei trasporti. Il nostro mondo è questo. E allora perché mandano avanti la politica, Fassino, i magistrati. Perché? Chi c’è dietro? Le banche? Perché hanno questi interessi le banche? Dove vanno a finire questi soldi? A chi? 1,2 miliardi di finanziamento e poi, gli altri? Non si sa. In un momento così disastrato con questi 22 miliardi, che è quanto verrebbe a costare l’opera, potremmo finanziarci la banda larga, potremmo finanziare la Rete, fare progetti di sviluppo. Dare lavoro a piccole e medie imprese. Perché fanno queste cose qui? È il momento di capire, capire! Perché dopo la TAV ci saranno il terzo valico, le gronde, il ponte sullo Stretto. Opere faraoniche per il rilancio della crescita. Non c’è crescita in questo settore. La crescita è dell’intelligenza.

Mandiamo a casa questa gente. Vi prego, vi prego! Prima che scoppi un casino ancora più grosso.
Adesso seguiremo e vi daremo notizia di quello che sta accadendo. Robe da pazzi!

Giù dal traliccio leader no Tav: grave
Audio(da Corriere.it)

Eccovi il video della testimonianza di un passeggero pestato dalle forze dell’ordine. Torino Porta Nuova: dopo la grandissima manifestazione del pomeriggio in Val Susa, i manifestanti che tornano col treno subiscono una rappresaglia da parte delle forze dell’ordine. Le cariche del tutto immotivate e violentissime coinvolgono anche alcuni passeggeri.

[ youtube RgagOaoi-_8]

Potrebbe interessarti

“Procida in Fiore”. Prima edizione 2012

Parte il 15 aprile 2012 l’iniziativa proposta dal Comitato “Noi facciamo …la differenza”.   E’ …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *