Home > legalità > Saccheggio dei Girolamini: i VAS esprimono profondo apprezzamento per l’operato della Magistratura e chiedono l’accertamento di tutte le responsabilità politico-istituzionali.

Saccheggio dei Girolamini: i VAS esprimono profondo apprezzamento per l’operato della Magistratura e chiedono l’accertamento di tutte le responsabilità politico-istituzionali.

furto libri girolaminiComunicato

Fummo tra i primi (forse i primi) a far conoscere (si veda il comunicato del 13 Aprile2012) quale incommensurabile valore avesse la Biblioteca dei Girolamini e l’immane danno che la Cultura Mondiale e la Città di Napoli stavano subendo con il susseguirsi di continui saccheggi  che  cominciavano a trapelare da scarne notizie di stampa. Un latente clima di omertà e di sottovalutazione tendeva a chiudere rapidamente la vicenda, rinunciando a recuperare quanto di immane valore già rubato e lasciando impuniti i gravissimi reati perpetuati: mentre l’allora Direttore della Biblioteca, Massimo De Caro, sfidava tutti convocando addirittura  una  Conferenza Stampa – Dibattito  per giovedì 19 aprile proprio alla Biblioteca per illustrare quanto di massimamente positivo avveniva alla Biblioteca noi dichiarandoci non disponibili per tale farsa insistevamo sulla necessità urgente dell’intervento della Magistratura e diretto del Presidente della Repubblica.  La Magistratura la notte del 19 Aprile poneva i sigilli alla Biblioteca ed attivava l’importante operazione in atto che siamo certi porterà al recupero dell’intero patrimonio rubato. Di qui il mostro totale, convinto plauso alla Magistratura.

Se, sul piano giudiziario si sta sviluppando il massimo percorso positivo possibile, non altrimenti ciò è avvenuto ed avviene su quello politico- istituzionale; gravissime restano difatti  le responsabilità del Ministri dei Beni Culturali e dei Governi  Berlusconi e  Monti per non avere minimamente verificato il “curriculum” (inesistente) del Direttore della Biblioteca dei Girolamini  posto addirittura come “Esperto del Ministero” per i Beni Culturali, poi  arrestato. Resta grande la preoccupazione di essere stati, e nulla ci dà la garanzia che ciò non lo sia più, davanti ad un sistema di corruzione e di interessi malavitosi che aveva copertura o almeno agganci fortissimi nel sistema politico-istituzionale, a partire proprio dai Ministri e dai Ministeri, sia ripetiamo  del Governo Berlusconi che  di Monti. Grave è il fatto che non vi sia mai stato ( a parte due sole interrogazioni a risposta scritta, quasi un atto dovuto) un dibattito   in Parlamento sulla questione, realmente sentito e sollecitato da qualsiasi forza politica. Quanto di gravissimo – ripetiamo anche sul piano politico istituzionale-  verificatosi per i Girolamini può essere avvenuto anche per altre realtà: il nuovo Parlamento può eludere  la necessità di accertare fino in fondo ogni responsabilità.

 

Nicola Lamonica, Ermete Ferraro,  Antonio D’Acunto,

Potrebbe interessarti

“Mare nostro che non sei nei cieli” a Santa Margherita

PROCIDA – Mercoledì 8 agosto in Santa Margherita nuova ore 21 la Biblioteca comunale “don …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *