Campania: Il progetto Scuola Viva è stato approvato

PROCIDA – Ad annunciarlo sui social Lucia Fortini, Assessore alla Scuola, alle Politiche sociali e alle Politiche giovanili della Regione Campania. “Mi riempie di orgoglio l’approvazione in Giunta Regionale della proposta progettuale Scuola Viva. Sono particolarmente affezionata a questa iniziativa perché non è semplicemente un progetto al contrasto alla dispersione scolastica, ma una vera e propria occasione di vita per tanti giovani studenti.
Ho ancora negli occhi gli sguardi dei ragazzi che ho incrociato in questi anni, pieni di gioia per aver scoperto la passione per uno strumento musicale, per aver ottenuto la possibilità di coltivare un sogno o per aver capito di essere portati per una disciplina perché affrontata con un approccio diverso.
La Regione Campania investirà oltre 115 milioni di euro per la seconda edizione pluriennale del programma che terrà aperte le scuole anche il pomeriggio per progetti scolastici che spazieranno dalle materie di base alla comunicazione, dal teatro ai laboratori di cinema e a tutto quello che le scuole vorranno offrire.
Scuola Viva ha riscosso grande successo già negli anni precedenti perchè riesce a includere, coinvolgere e stimolare la crescita di ciascun studente.
Sono grata a tutti i Dirigenti Scolastici, al personale docente e non docente per essere riusciti a rendere concreta un’iniziativa che stimola e valorizza il talento dei nostri studenti campani. Sono stati il motore di questo progetto e vogliamo continuare insieme!”.

Potrebbe interessarti

Carannante: Procida entra nella Rete dei Comuni delle isole europee del Mediterraneo

PROCIDA – Il sindaco di Procida, Raimondo Ambrosino, firma il Patto di Amicizia già sottoscritto …

Un commento

  1. La dott. Lucia Fortini forse immagina ciò che anticipatamente deducevo quando adolescente seguivo discipline correlate all’istituto d’arte napoletano . CIO’CHE PIU’ DISPIACEVA A NOI TUTTI ALLIEVI ERA CHE, L’INSEGNANTE DI STORIA CI ILLUSTRASSE L’ OPERA D’ARTE CON DOVIZIA DI PARTICOLARI PER NOI “ INSIGNIFICANTI “ COME CONTENUTO E FORMA, OSSIA DI SPECIFICO SCARSO PESO E IMPATTO EMOZIONALE. LA MINUZIOSA E PROLISSA DESCRIZIONE DI SOLITO SI PROLUNGAVA ED IN MODO UGGIOSO PER TUTTA L’ORA DI LEZIONE ( A VOLTE ANCHE DUE ) ANNOIANDOCI INFINITAMENTE . L’ANTITESI, L’AVREI CAPITO MOLTO DOPO, ERA NEL SUO MODO DI SPIEGARE L’OPERA RISPETTO A QUALSIASI ESPERTO IN TAL SENSO ; L’AVREI CAPITO, QUANDO ALTRI PROFESSORI DI CHIARA FAMA AVREBBERO AFFRONTATO L’ARGOMENTO DESCRITTO NON COME UN ARIDO ELENCO DI INSIGNIFICANTI DETTAGLI FORMALI MA, COME UNA RIVOLUZIONE CULTURALE AVVENUTA LI, SOTTO I NOSTRI OCCHI DI FORTUNATI POSTERI… PROPRIO RIVOLUZIONE E, COM’ ALTRO VORREMMO CHIAMARE LA SEMANTICA DEI SEGNI NELLO SVOLGERSI DELL’ESPRESSIONE FIGURATIVA ? COM’ALTRO CHIAMARE L’IMPATTO ESTETICO IN CHI PER LA PRIMA VOLTA, S’IMBATTE IN SIMILI FENOMENI PER CUI NOI ITALIANI DA SECOLI, ANDIAMO FIERI !
    SPIEGARE LA STORIA D’ARTE E’ PRIVILEGIO DI POCHI E SELETTIVI DOCENTI CHE, COL LORO COINVOLGENTE ELOQUIRE TRAVOLGONO GLI INTERLOCUTORI DI TURNO E LI CONDUCONO, LORO MALGRADO, VERSO DEDUZIONI CONNESSE ED EMOZIONANTI ABBANDONI; VITTORIO S. FILIPPO D, FEDERICO H. PIERO ED ALBERTO A E PAOLO M.COME NUMEROSI ALTRI ILLUSTRI E QUOTATI PROFESSORI, LO HANNO CAPITO E PADRONEGGIATO IN OGNI SENSO, CONDUCENDO PER MANO LO SPETTATORE E L’ALLIEVO IN QUELLO CHE ERA IL SECOLO DESCRITTO, FACENDODGLI DIMENTICARE LUOGO E TEMPO CONTEMPORANEO, PER UN IDEALE ED AVVENTUROSO VIAGGIO IMMAGINARIO. COME SPIEGARE AD ANTONIETTA C. DOCENTE ALL’IST. D’ARTE DI NAPOLI CHE UNA QUALUNQUE INSEGNANTE DI LETTERE, PER QUANTO DILIGENTE, NON PUO’ ABILMENTE RAGGIUNGERE TALI AMBITI LIVELLI !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *