Home > associazionismo > Estate Pro Music: si parte dal 23 al 30 luglio con una Master Class di Batteria

Estate Pro Music: si parte dal 23 al 30 luglio con una Master Class di Batteria

PROCIDA – L’Associazione culturale e musicale Promusic Isola di Procida anche per questa estate 2017 ha organizzato una serie di iniziative che avranno come punto di aggregazione il Centro polivalente di Via salette. Si parte dal 23 al 30 luglio con una Master Class di Batteria, in gemellaggio con le associazioni di Napoli di “Bande Rumorose” e “Officine Percussive”, a cura dei maestri Enrico del Gaudio e Livio Campus. «La nostra isola – dice Michele Lubrano – ospiterà per una settimana, gli studenti di batteria delle scuole di Napoli, in un progetto di gemellaggio tra le nostre Associazioni, che punta a diventare un qualcosa da arricchire col tempo, uno scambio culturale tra i giovani musicisti isolani, e professionisti del settore, per espandere le nostre conoscenze nel campo della musica, nello spirito dell’aggregazione sociale. Un appuntamento aperto a tutti i musicisti che vedrà nell’ultima settimana di luglio, svolgersi presso la Sala prove Malù, all’interno del Centro Polivalente ProMusic di Via Salette, un seminario di batteria con due lezioni giornaliere, nelle quali ci si confronterà sulla teoria, e sulla tecnica della batteria, dell’improvvisazione e del linguaggio musicale, ad essa legato, con l’intervento di ospiti d’eccezione durante alcune lezioni. Un evento per gli appassionati del genere, da non perdere assolutamente».

Potrebbe interessarti

Caremar: rimodulazione orari in occasione della Festa del Porto Borbonico d’Ischia

PROCIDA – La società di navigazione Caremar informa la gentile clientela che Giorno 19 settembre …

Un commento

  1. Iniziative come queste, organizzate
    all’interno dei locali di via Salette,
    onorano e distinguono i partecipanti a tali prove .

    Considerare i talenti giovani o giovanili alla base
    del vivere civile d’ogni contesto creativo, è prioritario,
    poi che va inserito nelle didattiche e passioni da coltivare
    senza per questo considerarle nell’ambito del ” genio e sregolatezza “.

    Le potenzialità di questi emergenti della cultura,
    non sono dissimili per valore e patrimonio,
    da quelli più o meno contestualizzati alla maniera accademica;
    vanno sostenute, agevolate e monitorate, affinchè non si perdano
    in autolesionismi o protagonismi malati,
    bensì possano, col tempo, dare e ricevere i propri frutti !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *