Home > Calcio > ISOLA DI PROCIDA 1 – 2 REAL FORIO

ISOLA DI PROCIDA 1 – 2 REAL FORIO

306211_procida-calciodi MARIO LUBRANO LAVADERA

ISOLA DI PROCIDA: Bardet 5,5, Esposito 4,5, Botta 6, Aprile 5,5 (10’ st Costagliola L. 5), Vallefuoco 5,5, Fiorillo 5,5, Muro 5,5 (28’ st Minauda 5,5), Marigliano 4,5, D’Auria 5, Costagliola A. 5, Cibelli 5 (35’ st Scotto di Marrazzo sv). (In panchina Spadera, Lubrano, Barone, Malgieri) All. Cibelli Francesco 5

REAL FORIO: Mazzella C. 6,5, Iacono C. 6, Mattera 7, Rivetti 6,5, De Giorgi 6,5, Di Dato 7,5, Magaddino 6,5 (45’ pt De Felice 6,5), Di Spigna 6, Maggino 6 (28’ st Calise sv), Capuano 6,5, Mautone 5. (In panchina Capodanno, Gonano, Ruggiero, Mazzella V.) All. Iovine Giovanni-Castagliuolo Michele 7,5

ARBITRO: Renzullo Emanuele di Torre del Greco 5 (ass. Borrelli di Ercolano e Magliacane di Torre del Greco)

RETI: 7’ pt Di Dato, 31’ pt Magaddino, 40’ pt D’Auria rig. (P)

NOTE: calci d’angolo 4-1 per il Procida. Ammoniti Costagliola A. (P), De Giorgi, Magaddino, Capuano (RF). Espulsi al 45’ pt Mautone (RF) per somma di ammonizioni, al 30’ st Bardet (P) per fallo da ultimo uomo e al 42’ st Calise (RF) per gioco scorretto. Durata pt 50’, durata st 56’. Spettatori 400 circa con una trentina di tifosi del Real Forio.

La stagione 2014/2015, in tema di derby, sorride al Real Forio che bissando la vittoria dell’andata rifila la seconda sconfitta di quest’annata calcistica ai cugini del Procida. Un risultato meritato per la formazione dell’accoppiata Iovine-Castagliuolo, ottenuto con mezz’ora di grande qualità ed un secondo di tempo di grande cuore e carattere. Quelle caratteristiche, insomma, che i due tecnici avevano chiesto e che sono mancate clamorosamente al Procida.  L’inizio di partita è interamente di marca biancoverde ed il risultato si sblocca dopo appena sette minuti. Magaddino scodella al centro un calcio di punizione laterale, Di Dato viene lasciato colpevolmente solo dalla difesa del Procida e batte di testa Bardet. L’aggressività del Real Forio coglie di sorpresa il Procida, totalmente incapace di reagire e all’11’ Di Spigna ci prova con l’esterno sinistro dal limite calciando di poco a lato. Il raddoppio è soltanto rimandato di una ventina di minuti: al 31’, infatti, Magaddino vince un rimpallo con Botta e silura Bardet con un sinistro dalla lunga distanza che si insacca a fin di palo. Raddoppio foriano tra le proteste del Procida per un fallo dell’attaccante biancoverde sul difensore procidano Botta. L’inerzia della partita è decisamente favorevole al Forio che lascia un po’ di campo al Procida nel finale di primo tempo. Al 40’ Tony Costagliola sfugge in velocità a De Giorgi che lo stende in area di rigore con il direttore di gara che indica il dischetto. Dagli undici metri D’Auria indirizza la palla all’incrocio riaprendo il match con il suo primo gol in maglia biancorossa dopo otto partite. Improvvisamente cambia lo scenario perché il Real Forio perde prima Magaddino, per infortunio (al suo posto De Felice), e poi Mautone, che si fa ingenuamente espellere allontanando la palla a centrocampo nonostante fosse già ammonito. Nel recupero ci prova Giò Cibelli con una girata volante, su cross di D’Auria, che si perde a lato. Finisce con il Real Forio in vantaggio il primo tempo con il Procida che può sfruttare la superiorità numerica per tutta la ripresa. I biancorossi, però, proseguono con un possesso di palla sterile e lento favorendo la fase difensiva di un Forio gagliardo e perfettamente organizzato. All’8’ cross di Tony Costagliola per l’inserimento di Botta che, di testa, indirizza a lato la sfera. Al 12’ corner di D’Auria e colpo di testa di Vallefuoco in piena area di rigore con De Felice provvidenziale nel salvataggio sulla linea. Al 20’ contropiede foriano orchestrato da Maggino, dopo una deviazione di Fiorillo la palla arriva sul destro di Rivetti che calcia incredibilmente a lato da ottima posizione. Al 23’ Tony Costagliola smarca perfettamente D’Auria che, dal limite dell’area, manda la palla a lato sprecando un’ottima occasione. Al 30’ Calise parte in contropiede, Bardet lo affronta irregolarmente al limite dell’area toccando la palla con le mani e nell’occasione il portiere isolano sarà ferito alla testa e costretto ad essere portato in ospedale. L’arbitro espelle lo stesso Bardet ristabilendo la parità numerica ed il Procida inserisce il secondo portiere Scotto di Marrazzo al posto di Cibelli. Al 41’ cross di Marigliano dalla sinistra, spizzicata di D’Auria e straordinario intervento di Mazzella a deviare la sfera in corner. Al 42’ Calise colpisce con una manata Marigliano e viene anche lui espulso. Nel finale si gioca in 10 contro 9 con il Procida che ci prova con attacchi disordinati ed imprecisi. Al 44’ l’occasione capita sulla testa di Fiorillo che manda alto un cross dalla destra di Esposito. E’ l’ultima opportunità di una partita che, dopo 56 minuti del secondo tempo, viene vinta con merito dal Real Forio.

Potrebbe interessarti

Procida-Ischia 3-0. Il Procida ribalta il risultato dell’andata e ipoteca il passaggio del turno

PROCIDA – Una “remuntada” a tutti gli effetti come si usa dire in questi casi, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *