Home > procida > politica > L’Amministrazione verifichi le intenzioni della Regione circa l’Albano Francescano

L’Amministrazione verifichi le intenzioni della Regione circa l’Albano Francescano

maria capodannoPer quanto riguarda le notizie circa il mancato interesse della Regione Campania e il possibile scioglimento della Fondazione Ospedale Civico Albano Francescano, lo scorso 30 Novembre il Consiglio Comunale dell’isola di Graziella ha approvato all’unanimità l’ordine del giorno, presentato a firma dei Consiglieri Scala Menico e Capodanno Maria del gruppo “Per Procida”, che di seguito riportiamo: “Il Consiglio Comunale ha appreso che la Regione Campania sta provvedendo allo scioglimento di varie Fondazioni operanti nel territorio Regionale; rilevato che si sta eseguendo un censimento delle Fondazioni che sono 53, per creare una holding snella e operativa che organizzerà la partecipazione dell’Ente tenendo conto degli Enti strategici e più significativi. Da quanto ci risulta tra le 23 Fondazioni da sciogliere è inclusa anche quella denominata “Ospedale Civico Albano Francescano” che offre assistenza agli anziani in difficoltà e gestisce i’isolotto di Vivara. Osserviamo che trattasi di Ente di natura privata nei cui confronti la Regione esprime un proprio rappresentante nel C.d.A. (peraltro arrogantemente la nomina di detto rappresentante è in veste di Presidente quando invece per Statuto doveva trattarsi  di un semplice membro componente il C.d.A,)  e che nessun costo per la gestione grava sulla Regione Campania

Dopo tutto quanto premesso, si chiede all’Amministrazione Comunale di verificare in via ufficiale le reali intenzioni del Presidente De Luca e in caso di atti già adottati di concorrere al ricorso in via amministrativa per la tutela di una Fondazione  di cui il Comune è parte, esprimendo un proprio rappresentante nel C.d.A”.

Potrebbe interessarti

Collegamenti Marittimi – Lucia Mameli: Siamo stati abbandonati a noi stessi

PROCIDA – Protagonista di questi giorni di “tempesta” per il comparto dei collegamenti marittimi, abbiamo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *