Home > politica > Le Primarie del Partito Democratico

Le Primarie del Partito Democratico

renzidi Michele Romano

Lo scenario indecoroso da basso impero che gli “epigoni politici” di questo ventennio stanno offrendo è di uno squallore estremo. Da una parte, attraverso il disgustoso comportamento degli “scherani e delle pitonesse e animali vari” dell’egolatria nonché  condannato per il gravissimo reato di frode fiscale ai danni degli inermi cittadini calpestando da perfidi reazionari, tutti gli aspetti giuridici e costituzionali di uno stato di diritto, dall’altra parte lo spettacolo del congresso del PD che condurrà alle primarie dell’8 dicembre questo partito ad eleggere il proprio segretario. Ebbene, qui a cosa si sta assistendo? Ad un evento, dove la maggioranza dell’apparato della politica fallimentare di questi anni, per mera e disperata conservazione del proprio potere sta ostacolando il più possibile con tutti i mezzi la scesa del sindaco di Firenze alla guida del partito.

A Matteo Renzi, bisogna riconoscere che ha reso la discussione a sinistra molto scorrevole e semplice: cioè si vuole continuare a perdere o provare seriamente a vincere per produrre un profondo cambiamento ad un paese che è sul punto di dissolversi?

Bisogna essere consapevoli che con lui esce di scena la concezione della sinistra concepita così come fino adesso è stata intesa, ed entra in campo un progetto fluido e in divenire al passo delle trasformazioni planetarie che sta attraversando la società contemporanea.

Comunque al di là di ciò urge un passaggio biblico da una generazione politica che ha perso, come dice Michele Serra, ad un’altra che promette di ridare fiducia e speranza ad un popolo in stato di depressione quasi irreversibile.

In tal senso il politico “VIOLA” costituisce un ricambio credibile e vitale di cui iniziamo ad averne struggente bisogno anche noi anziani.

Potrebbe interessarti

“Stelle su Procida”: Del Prete, Gragnaniello e Sannino in concerto in piazza Marina Grande

PROCIDA – Questa sera, nella suggestiva e spettacolare cornice di piazza Marina Grande, serata finale …

2 commenti

  1. il pd non è un partito non lo è mai stato,è solo l’unione di tutti i comunisti contro berlusconi,tolto berlusconi il partito si dissolve,tornando a tutti i partitini di sinistra,visto come stanno andando i lavori per le primarie,mi sembra il partito della torre di babele ,che vergogna,avete contribuito a rovinare l’Italia e ancora volete fiducia e voti,il mondo è cambiato non bastano possedere tv e giornali per abbindolare le persone,questo articolo e questa risposta ne sono la prova.Distinti saluti a tutti

  2. alè

    tutti sul carro.. del quasi sicuro vincitore Renzi : questo,si,che è squallore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *