Home > Nautico > L’Istituto Nautico di Procida: per i giovani montesi un ritorno alle origini

L’Istituto Nautico di Procida: per i giovani montesi un ritorno alle origini

istituto nauticoSi riallaccia più forte che mai il rapporto tra i montesi e Procida, in particolare tra i marittimi montesi del domani e il glorioso Istituto nautico dell’Isola di Arturo: l’I.T.N. “F. Caracciolo”.

Oggi l’Open Day dell’Istituto nautico di Procida contava infatti una nutrita “ciurma” montese che si è informata così dell’offerta formativa, dei docenti e della scuola che potrebbe ospitare tanti giovani montesi desiderosi di solcare il mare in un prossimo futuro.

Maria Saletta Longobardo, la preside del Nautico, ha risposto con entusiasmo allo sbarco dei «montesi» ed ha convocato il corpo docente della scuola per una degna accoglienza. Spiega: “La realtà scolastica della nostra isola è da sempre un punto di riferimento peri territori limitrofi, in particolare per Ischia e tutta la zona flegrea. Lo conferma il fatto che, in questi anni, il nostro Istituto ha accolto numerosi studenti anche provenienti da platee scolastiche cittadine. Del resto, le manifestazioni dello scorso anno per celebrare il 180 anni di vita del nostro Istituto Nautico hanno avuto una grande eco e sono state recepite con grande interesse, consolidando il legame stoico della scuola col territorio. E’ noto che, da tempo, gli abitanti di Monte di Procida, di Ischia, finanche della lontana isola di Ponza, si sono rivolti al nostro istituto per la formazione professionale della gente di mare. Oggigiorno, sulle navi di tutto il mondo, operano centinaia di capitani e macchinisti che hanno studiato a Procida. Ci rendiamo conto che per facilitare il loro lavoro scolastico ci sarà bisogno di alcune misure: l’attivazione di un collegamento marittimo tra Procida e Monte di Procida che, la mattina, conduca a scuola e, nel primo pomeriggio, riporti a casa gli studenti. Del problema ho già interessato le autorità comunali dei due paesi che hanno manifestato ampia disponibilità”.

Ed in effetti si sono attivati tutti per trovare soluzione a questo problema. Il primo cittadino di Procida Vincenzo Capezzuto, di concerto con il consigliere comunale ai trasposti Sabia e sentiti i Sindaci di Monte di Procida e Bacoli, ha scritto all’ assessore regionale ai trasporti Sergio Vetrella chiedendogli l’istituzione di una corsa ad hoc Monte di Procida – Procida e viceversa, da inserire nei collegamenti cosiddetti «residuali».Una soluzione tecnica possibile – suggerisce Pasquale Sabia, consigliere procidano delegato ai trasporti – potrebbe essere l’istituzione di uno scalo a Monte di Procida di una corsa che parta in mattinata da Pozzuoli, prima di arrivare a Procida”.

Anche la compagnia di navigazione attualmente impegnata nel collegamento Pozzuoli-Procìda e viceversa, ha manifestato interesse e disponibilità. “Attendiamo una richiesta ufficiale – ha dichiarato la dirigente della «Gestur» – anche per vagliare costi e problemi tecnici. Ma siamo pronti a prendere in esame il problema”.

dal sito montediprocida.com

Potrebbe interessarti

Campania, M5S: Stop ai collegamenti marittimi Procida e Monte di Procida. Depositata interrogazione

Napoli – “Quali azioni la Giunta regionale intende intraprendere per il ripristino del collegamento per …

Un commento

  1. Giuseppe Schiano

    Con che coraggio li invitiamo a Procida: gli abbiamo fatto pagare pure la tassa di sbarco?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *