Home > procida > lavoro > Il Mediterraneo torna centrale. La ripresa dei porti italiani

Il Mediterraneo torna centrale. La ripresa dei porti italiani

di Nicola Silenti da Destra.it

PROCIDA –Riprende slancio in Italia l’attività di alcuni porti. In attesa di una ripresa economica solida, convincente e davvero diffusa, un’iniezione di fiducia e di ottimismo per l’intera economia nazionale arriva ancora volta dal settore marittimo e in particolare dal fronte dei traffici marittimi di container da sempre individuato dagli analisti come un comparto tra i più orientativi sullo stato globale di un’economia.

Facile quindi comprendere quanto sia rimarchevole osservare una ripresa dei traffici su mare, e in particolare lungo le rotte che dall’Oriente (dalla Cina soprattutto) si intensificano di navi cargo stipate di prodotti destinati al consumo europeo, e viceversa. In particolare, a mostrare un’inattesa quanto positiva vitalità è il Mediterraneo occidentale, con una serie di porti, compresi quelli italiani, che sembrano affrettare il passo e recuperare il terreno perduto negli ultimi anni a favore del traffico continentale del settentrione, da sempre segnato da un gigante del calibro di Rotterdam. Una ripresa, quella del settore dello shipping, che merita massima attenzione dal momento che, a dispetto dei traffici aerei e di quelli su strada, otto merci su dieci sul pianeta continuano a transitare via mare.

Sotto questa luce a tinte rosee si inseriscono i dati di segno tutto positivo registrati dagli approdi italiani. E’ il caso di Genova, capace di segnare nel 2017 una serie di record assoluti nella movimentazione delle merci con proiezioni a dir poco ottimistiche sul dato definitivo dell’anno in corso, a testimonianza di una ripresa consolidata dello scalo ligure su tutta la concorrenza mediterranea e il suo recuperato ruolo di protagonista, con il conforto di altre realtà rilevanti come La Spezia e Livorno, solo per citarne alcune.

Sta di fatto che importanti società di ricerca del settore come Drewry e Alphaliner convergono nel registrare la netta inversione di tendenza segnata in questo 2017 rispetto alle criticità dell’anno passato: un trend di segno positivo confermato anche da altri indicatori come l’incremento della domanda di nuovi container e dei prezzi dei noli, in un mercato in rapida trasformazione tra progetti di alleanze tra vettori e un numero di concorrenti mondiali che si è ridotto a pochi ma agguerritissimi players. Un tema, quello delle grandi compagnie marittime mondiali del trasporto merci su container che, allo stato attuale, vede la collaborazione di tre grandi alleanze: Ocean Alliance, The Alliance e 2M. La collaborazione fra compagnie di navigazione che porta alle alleanze , nasce dall’esigenza di condividere i rischi, i costi e gli investimenti connessi alla creazione e al mantenimento di un network di collegamenti di linea in grado di soddisfare le esigenze delle moderne “ supply chain”.

Il ruolo da protagonista dell’Italia in questo settore strategico è tenuto da un attore del calibro della MSC – Mediterranean Shipping Company, fondata a Napoli quasi 50 anni fa e controllata dalla famiglia Aponte .

Rimarcata la valenza di termometro delle economie nazionali, con l’offerta di riferimenti oggettivi e quindi inequivocabili per comprendere in quale direzioni e lungo quali rotte procede l’economia mondiale, il settore dello shipping si propone e si impone oggi come una pedina cruciale nelle ambizioni di qualsiasi realtà che ambisca a intercettare una fetta più o meno ingente dell’enorme flusso merceologico da e per la Cina. Un flusso di beni che monopolizza ogni giorno di più il mondo, con gli scali del gigante d’Oriente che sono il teatro quotidiano delle operazioni di carico e scarico di oltre il 40 per cento delle merci del pianeta: per intenderci, una cifra pari a più del doppio della movimentazione merci di tutto il continente europeo.

 

Potrebbe interessarti

Mobilita’: questa notte chiusura al traffico di via Libertà

PROCIDA – Nell’ambito del Progetto Waterfront Lotto B – Parcheggio – questa sera, dalle ore …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *