Home > Multato il Porto Turistico di Procida: violate le norme di sicurezza

Multato il Porto Turistico di Procida: violate le norme di sicurezza

Comunicato Stampa

I porti turistici sono operatori qualificati del settore nautico ed in quanto tali devono mantenere un asseto di sicurezza integerrimo, così come normato dalla Regione Campania con Decreto Dirigenziale n. 12 del 6 marzo 2008”.

Con questo indirizzo i militari della Guardia Costiera di Procida hanno proceduto, nella giornata di martedì 7 giugno, ad un sopralluogo presso il porto turistico Isola di Procida a Marina Grande per verificarne la rispondenza ai requisiti minimi di gestione del demanio marittimo previsti.

L’isola ha due porti di competenza regionale, Marina Grande e Chiaiolella – prosegue il Comandante della Guardia Costiera di Procida, Tenente di vascello Flavia LA SPADA – mentre l’approdo della Corricella non è stato oggetto di trasferimento alla Regione Campania, restandone per conseguenza la gestione demaniale al Comune di Procida che disciplina con propria ordinanza.

Il Decreto Dirigenziale n. 12, d’altra parte, stabilisce compiutamente gli obblighi dei concessionari degli specchi acquei regionali, dai posti di ormeggio da riservare alle unità da diporto in transito, in una percentuale non inferiore al 10% della capacità ricettiva, alla tenuta di un registro delle unità che ormeggiano, dalla regole sulla trasparenza e pubblicità delle informazioni relative alle tariffe alle prescrizioni afferenti le disposizioni antincendio od antinquinamento.

In tal senso, gli uomini della Guardia Costiera di Procida hanno riscontrato la violazione dell’art. 7, rubricato “Altre norme di sicurezza”, in virtù del quale è richiesto ai concessionari di collocare ogni cinquanta metri, lungo le banchine ed i pontili in concessione, salvagenti anulari muniti di cima di recupero, nonché scalette in acciaio inox ogni cento.

L’illecito amministrativo è stato contestato al direttore del porto turistico ed, in solido, all’amministratore unico della società, con l’irrogazione di una sanzione pecuniaria, prevista dall’art. 1164 del codice della navigazione, pari ad euro 1032 euro.

UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO

DI PROCIDA

GUARDIA COSTIERA

Potrebbe interessarti

Perchè un Ministero del Mare è necessario

di Nicola Silenti da Destra.it Restituire all’universo del mare il suo Ministero. Nelle ultime settimane …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *