Home > La carità universale è morta !

La carità universale è morta !

Dal periodico Tempi di Fraternità vi proponiamo questo interessante articolo di Rosario Amico Roxas.

E’, ed è stato, questo il momento nel quale la Chiesa poteva e doveva far sentire la sua presenza.
Quante chiese in Roma ?
Sarebbe bastato aprirne qualcuna ai senza tetto, condannati a morte per assideramento, pur senza avere commesso reati specifici.
Si parla di aprire le carceri e far uscire i carcerati meritevoli e con basso profilo criminale, non emerge, invece, l’esigenza di aprire la casa di Dio e ospitare,in nome della universale carità, quanti non hanno nulla.

Il pontefice ha detto di essere vicino a quanti patiscono il freddo, ma questi sono lontani dalle chiese, perchè rigorosamente chiuse. Quei portoni sbarrati davanti ai bisogni mi ricordano i portoni della chiesa di San Giovanni Bosco, chiusa per ordine dall’alto, davanti alla salma di Piergiorgio Welby.

Proprio le Chiese che dovrebbero rappresentare il rifugio, vengono isolate dal mondo e dai bisogni, come se un antico pudore temesse che ad entrare fosse Cristo, nelle spoglie di un extracomunitario affamato, assetato, gelido nel corpo e nell’anima, possibilmente di colore, vestito di stracci, mentre tende la mano in cerca di conforto; proprio quell’uomo che la Teologia della Liberazione identifica come Cristo in terra.

Ma l’attuale vaticano, coerente con i propri peccati, ha condannato la Teologia della Liberazione e tutto ciò che incarna i bisogni, esaltando il liberismo dei potenti, ai quali è riservata l’accoglienza.

Qui non mi riconosco in questa “Ecclesia” di ricchi che vanta radici cristiane abusive.

Potrebbe interessarti

Domenica tutti in Piazza Marina Grande per “Procida for Ischia, insieme per ricostruire”

PROCIDA – Il mese di dicembre inizia con un evento all’insegna della solidarietà. L’associazione “terra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *