Home > Praticare il conflitto liberale per sconfiggere l'odio politico

Praticare il conflitto liberale per sconfiggere l'odio politico

La violenza di ieri (14 dic. ndr) sera sul Presidente del Consiglio ha drammaticamente esemplificato la sostanza del clima politico italiano. Non è un caso che il gesto sia stato compiuto materialmente da un disturbato mentale in cura da anni. Le persone più disagiate sono gli anelli più deboli della convivenza proprio perché , insieme all’aria, respirano nell’ambiente i fumi dell’incapacità a discutere e dell’odio sottilmente instillato verso chi, pensandola in altro modo, è considerato un nemico. E non riescono a metabolizzare criticamente.Questo problema non si risolve con la opportuna  solidarietà umana e civile alla vittima data dopo dalla maggioranza e da buona parte dell’opposizione ( Bersani in testa). La chiave risolutiva è che tutta l’opposizione parlamentare ( a cominciare da Bindi e Di Pietro) arrivi a capire ( concetto ben più profondo di tardive lacrime di coccodrillo) che le proposte del Presidente del Consiglio sono sempre legittime anche se assolutamente non condivise e non condivisibili. E che a proposte non condivise è indispensabile opporre altre proposte che si condividono, non giudizi morali sul come ci si dovrebbe comportare e ancor peggio sul come si dovrebbe pensarla. Che sono inefficaci e controproducenti.

Il conflitto democratico secondo le regole è fisiologico per noi liberali, proprio perché resta un conflitto di idee e di progetti, e non diventa mai uno scontro di puro potere o  di anatemi o di grida al lupo al lupo né di istigazione a non sopportare l’avversario visto come nemico. Protestare perché le proposte del centro destra eliminerebbero i contrappesi democratici e poi non opporre alcuna proposta positiva pretendendo di congelare l’esistente, è il vero modo di fuoriuscire dalla logica dei contrappesi e di cercare di imporre la conformistica adesione alle proprie idee.  Le idee politiche non condivise devono viceversa portare a costruire idee e concreti progetti alternativi. Incluso sulle ipotesi di modifica della Costituzione. Altrimenti,  ci se ne renda conto o no, si contribuisce a creare le condizioni dell’odio per il nemico , non del conflitto liberale. E con ciò svanisce l’impegno ad occuparsi  della libertà del cittadino.

Il dramma vero, tuttavia, non è solo che esistano persone che non se ne rendono conto ( la vita è bella perché è varia ). Oggi, il dramma vero è che queste persone finiscono per zavorrare chi si sforza di sconfiggere al voto il Popolo della Libertà e facilitano per reazione il diffondersi di quelle stesse idee che proclamano ( a parole) di voler avversare. La loro logica pare quella del tanto peggio, tanto meglio. E’ un condensato contro la possibilità di dare regole aggiornate alla  libera convivenza.

COMUNICATO STAMPA

Federazione dei Liberali

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *