Home > procida > lavoro > Procida, cartelli “vendesi” sui gozzi dei pescatori. La Regione assicura: “Non sparirete”

Procida, cartelli “vendesi” sui gozzi dei pescatori. La Regione assicura: “Non sparirete”

PROCIDA – Cartelli “vendesi” su gozzi e pescherecci. Perché i piccoli pescatori di Procida chiedono garanzie per il futuro. E a margine della provocatoria protesta silenziosa inscenata oggi a Marina Corricella, arriva il confronto con la Regione Campania, cui una delegazione degli operatori isolani (che costituiscono il 10% della flotta peschereccia regionale) ha consegnato un documento con una serie di istanze a margine di “MareXperience”, l’iniziativa di animazione territoriale promossa per venerdì 22 febbraiodal Flag (Gruppo di azione locale nel settore della pesca) “Sviluppo Mare Isole di Ischia e Procida SCARL” al fine di garantire la salute e la sostenibilità del settore della piccola pesca.
“Abbiamo recepito le legittime richiesta di una categoria che va difesa e tutelata perché rappresenta l’identità dell’isola”, ha spiegato Francesco Alfieri, Capo Segreteria del Presidente della Regione Campania e consigliere del Presidente per i temi attinenti l’Agricoltura, le Foreste, la Caccia e la Pesca, annunciando misure immediate. “Con l’area marina protetta Regno di Nettuno prevediamo un contributo per i pescatori che libereranno il mare attorno all’isola dalle plastiche”. 
I pescatori hanno denunciato un decremento del 30% degli introiti negli ultimi 15 anni, lamentando come i vincoli dell’Ue stiano decretando la distruzione della piccola pesca. “Ci faremo portavoce delle loro istanze”, ha garantito il consigliere regionale Antonio Marciano, questore alle finanze e consigliere regionale della Campania, con i quali i pescatori hanno anche parlato di modalità di intervento per ridimensionare o compensare i danni che i delfini provocano alle strumentazioni da pesca e di una rivisitazione delle cosiddette “quote tonno”.
“Attraverso i fondi FEAMP – ha spiegato Filippo Diasco, direttore generale per le Politiche agricole, alimentari e forestali della Regione Campania – Procida può sin da subito prevedere interventi a sostegno di una risorsa imprescindibile per il suo territorio, la piccola pesca, che soffre evidentemente la concorrenza della pesca industriale”. Introdotto da Raimondo Ambrosino, sindaco di Procida, il convegno ha abbracciato anche gli interventi di Claudia Esposito, in rappresentanza della SCARL Sviluppo mare isole di Ischia e Procida, di Maria Salette Longobardo, dirigente dell’istituto “Caracciolo” e di Achille Lauro, ad di Achille Lauro Group, che ha parlato di turismo esperienziale. Quindi, focus sul benessere alimentare con la nutrizionista Lucia Costagliola, visita alla Grotta immersiva – impreziosita da suggestive videoinstallazioni legate al mondo della pesca – e buffet didattico presso il ristorante “La Medusa”.

Potrebbe interessarti

Procida: MIMAS MUSIC FESTIVAL a luglio la IIa edizione

PROCIDA – L’Associazione Mousikè con Nomea organizzerà a Luglio 2019 la seconda Edizione del ‘Mimas …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *