Home > procida > sanità > Procida: “D’AMORE E DISONORE”, riparte la mobilitazione per l’Ospedale

Procida: “D’AMORE E DISONORE”, riparte la mobilitazione per l’Ospedale

Procidane e Procidani,
Il Presidio Ospedaliero di Procida (Pronto Soccorso), come ben sapete, secondo il Piano ospedaliero Regionale redatto dal Commissario Polimeni, verrebbe sostituito con un non ben precisato -Ospedale di Comunità- ridimensionando le figure e le presenze medico-professionali atte a fronteggiare le emergenze.
Il Tar Campania ha annullato con sentenza del 23-11-96 questa sciagurata ipotesi.
Il 17-01-2017, il Sindaco di Procida e una delegazione del Consiglio Comunale hanno incontrato in Regione il dr. Coscioni, consigliere per la sanità del Presidente De Luca e il dr. D’Amore, direttore Asl NA2 Nord. Nell’incontro veniva deciso, di comune accordo, l’istituzione di un tavolo tecnico per correggere il Piano Regionale alla luce della sentenza del Tar.
Il 19- 01, il dr D’Amore varando il nuovo Atto Aziendale ha clamorosamente smentito quanto affermato all’incontro sopra ricordato e riconfermato per Procida l’ipotesi iniziale, ignorando sia la sentenza del Tar, sia le decisioni prese in Regione anche con il suo consenso.
Che Fare?
Come isolani dobbiamo continuare a batterci per salvaguardare il nostro diritto alla salute.
Lunedì 30 ore 18 è indetta un’ Assemblea nella Sala Consigliare per decidere insieme le forme di lotta.
Ma come cittadini non possiamo non indignarci davanti ad un comportamento così scandalosamente menzognero ed ipocrita, lesivo della dignità delle Istituzioni che ci rappresentano ed esigiamo pertanto che il dr D’amore si scusi ufficialmente con la comunità isolana e con il Consiglio Comunale, in caso contrario chiederemo al Presidente della Regione Campania De Luca di dimetterlo dal suo incarico per manifesta violazione dell’art.54 della Costituzione: I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore
Coordinamento #lospedalenonsitocca
CittadinanzAttiva-Tribunale del Malato-Procida

Potrebbe interessarti

Trasporti marittimi: Solo noi stessi possiamo garantirci diritti ineludibili

Di Giuseppe Giaquinto PROCIDA – Raccolgo con piacere l’invito pervenutomi da più parti, in modo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *