Home > procida > Procida, i giovani e la politica

Procida, i giovani e la politica

politica giovanidi Michele Romano

Il periodo che conduce una comunità al voto per eleggere i propri amministratori, pur dentro la concitazione e l’animosa frenesia in cui si vive la vicenda elettorale, offre l’occasione per formulare qualche riflessione sulla stratificazione sociale del territorio. Ebbene ciò che ha più colpito la mia osservazione è la condizione di penombra in cui è incastonata una parte non irrilevante della gioventù procidana. In tal senso si sperimenta che una parte di essa, per motivi di studio o di lavoro, allontanandosi dall’isola, ha perso la percezione di comprendere ed appassionarsi alle problematiche che investono il futuro del proprio paese, l’altra parte, quella stanziale che, al di là di una esigua e generosa minoranza, sembra vivere in un’altra realtà e ciò accade intorno a loro è lontano anni luce.

In questi ultimi tempi, da buon pensionato, con un cospicuo tempo libero a disposizione, li incontro nelle agorà e nei luoghi di ritrovo e riscontro che nei loro temi di conversazione sono completamente assenti quelli sociali e politici, concentrati come sono su quelli meramente evasivi e ludici. D’altra parte, bisogna pur dire, che una corposa fetta di essi ha iniziato ad intraprendere il percorso lavorativo del navigare, storicamente asse portante dell’economia procidana. Così, giustamente, come i loro padri, vivono il ritorno a casa come un meritato periodo di salutare inedia. Ma tutto ciò non giustifica la politica, gli enti educativi, socio-sanitari, le famiglie che, rannicchiati nelle proprie egoistiche autoreferenzialità, hanno reso il nostro territorio simile al Deserto dei Tartari.

Uno spicchio di speranza mi è stata iniettata, nel mio quotidiano peregrinare per l’isola, dell’incontro con ragazzi e ragazze (tra cui qualche allievo) impegnati nell’attuale percorso elettorale con i quali mi sono trovato in totale sintonia nel ritenere fondamentale riempire di forti contenuti espressioni come partecipazione, solidarietà, legalità, responsabilità, efficienza e efficacia, in quanto costituiscono elementi fondanti su cui, una nuova modalità di fare politica, deve saper formare e coinvolgere tanti giovani a diventare costruttori in meglio di ciò che gli appartiene: il futuro.

Il mio augurio è che il 31 maggio prossimo si aprirà la strada a tale cammino, nel cui solco sarebbe già meritorio se l’amministrazione che sarà chiamata a governare il territorio colmasse l’atavica lacuna di un polo socio-culturale intorno alla costruzione della “Biblioteca Comunale” alimentata da un volontariato qualificato e motivato. Ciò coniugato dall’incrementare, in modo sensibile, l’attenzione al disagio socio familiare e promuovere con energia la creazione di una organizzazione sanitaria che rassicuri la quotidianità del vivere da parte dei cittadini.

Potrebbe interessarti

“Procidani si nasce ed io lo nacqui” di Giacomo Retaggio. Questa sera al Marina di Procida

PROCIDA – “Procidani si nasce ed io lo nacqui” così, in questa calda estate del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *