Home > procida > Procida: lotta aperta alla zanzara tigre

Procida: lotta aperta alla zanzara tigre

zanzara tigrePROCIDA – (c.s.) E’ partito il progetto “Procida, isola della scienza”  che vede l’isola in prima linea nella collaborazione con l’Università Federico II su alcuni progetti scientifici di valorizzazione ambientale e di ripristino delle condizioni di vivibilità territoriale.

Dopo i primi e proficui contatti con i ricercatori universitari, Procida ha aderito alla proposta di  essere partner nella ricerca scientifica che studia  la lotta alla zanzara tigre, molto pericolosa per la trasmissione di malattie anche gravi.

Con un gruppo di volontari procidani e con la loro piena disponibilità a collaborare con l’equipe universitaria, è partita  la Fase 01 dell’operazione che si è sviluppata con la messa in atto di 22 trappole  per le zanzare in altrettanti giardini isolani. Le trappole consentiranno la raccolta settimanale delle uova delle zanzare che verranno poi esaminate nel laboratorio scientifico della Federico II.

Nelle foto la mappatura delle posizioni delle trappole e alcuni momenti delle fasi iniziali del progetto con l’equipe scientifica e i volontari in azione.

L’operazione ha destato interesse nei cittadini, molti dei quali hanno messo a disposizione i propri giardini per offrire il proprio contributo ad una ricerca di interesse internazionale  che qualificherà Procida come luogo geografico sensibile alla ricerca scientifica e al benessere dell’ambiente.

La raccolta delle uova delle zanzare avverrà una volta alla settimana fino a luglio, allorquando  le trappole dovranno passare da 22 a 100. Ci sarà bisogno pertanto di altri giardini e altri volontari.

Siamo sicuri che saremo tutti orgogliosi di dare il nostro contributo per una iniziativa volta al bene dell’uomo e al miglioramento della vivibilità nell’isola

Potrebbe interessarti

Granito: Maggio ricco di eventi che valorizzano il nostro patrimonio culturale

PROCIDA – Da oggi e fino al 20 maggio l’isola ospiterà la seconda edizione del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *