Home > Ambiente > Procida, perché nonostante l’ordinanza del sindaco Capezzuto non è stato ancora rimosso il ripetitore Telecom presente sulla scuola elementare?

Procida, perché nonostante l’ordinanza del sindaco Capezzuto non è stato ancora rimosso il ripetitore Telecom presente sulla scuola elementare?

antenne cellulari vodafone2di Gennaro Savio

Il nostro video-denuncia circa il montaggio di una nuova antenna di telefonia mobile collocata nel giorno della processione dei Misteri su di un palazzo di via Regina Elena a Procida e la conseguente ordinanza di disattivazione firmata dal Sindaco Vincenzo Capezzuto, sta sollevando un polverone di polemiche circa l’inopportunità di permettere la sistemazione di queste mega  antenne nei centri abitati. E molti cittadini si sono rivolti ai rappresentanti del PCIML di Procida affinchè si conducesse una battaglia per far rimuovere la grossa antenna Telecom piazzata negli anni addietro nientedimeno che sul lastrico solaio della scuola elementare e a due passi da un asilo. Ebbene, nel risentire le dichiarazioni del Sindaco Vincenzo Capezzuto nel mentre nei giorni scorsi dialogava coi cittadini di via Regina Elena, abbiamo trovato un passaggio molto interessante e che si riferisce proprio al ripetitore Telecom della scuola elementare centrale dell’isola di Graziella. Infatti il Sindaco ha affermato di averne ordinato la rimozione e che al momento sarebbe stata disattivata. E parla di ben due ordinanze. “Allora – ha dichiarato Vincenzo Capezzuto – io ho fatto di mia volontà due ordinanze dove ho eliminato le antenne vicino la scuola elementare, cioè ho ordinato di toglierle vicino la scuola elementare e sopra, un antenna non più utilizzata, un ripetitore Telecom, e quindi ho ordinato di toglierle perché siamo al di sopra di una proprietà pubblica dove io ho pieni poteri di intervento”. Sin qui le parole di Capezzuto. A questo punto, considerato che la rimozione sarebbe stata ordinata già da tempo, come mai il ripetitore Telecom a tutt’oggi è ancora bell’è piazzato sulla scuola quotidianamente frequentata da centinaia di bambini? Cosa c’entra l’eventuale disattivazione, di cui in molti diffidano, con l’ordinata rimozione? Perché non è stata rimossa ad horas? Domande, queste, che a nome dei tanti cittadini di Procida che si sono rivolti a noi per sottoporci la problematica, rivolgiamo  pubblicamente al Sindaco Capezzuto. Ma non è tutto. Proprio accanto alla suddetta scuola elementare, su di un Palazzo storico di Procida, da molti anni è presente un’altra antenna di telefonia mobile. Oltre al ripetitore relativo al lastrico solaio delle elementari, il Sindaco Capezzuto nelle sue dichiarazioni parla di ordinanza di rimozione di un’antenna vicino la scuola, si riferisce proprio a quella di Palazzo Ferrajoli? Se, si, perché anche quest’ultima non è stata ancora rimossa? Il PCIML guidato da Domenico Savio chiede l’immediato rispetto dell’ordinanza del Primo cittadino di Procida e la rimozione “ad horas” del ripetitore dal lastrico solaio della scuola e chiarimenti sull’antenna di palazzo Ferrajoli.

Potrebbe interessarti

Procida: Marina Corricella apre un nuovo ristorante dallo stile bohemienne

PROCIDA – “Il Pescatore” inizia la sua avventura gastronomica l’8 agosto 2018 nel pittoresco scenario …

3 commenti

  1. Il sindaco non era tenuto a sapere dell’ installazione del ripetirore?
    Io non credo che gli operai della OMNITEL sia venuti sull’isola e installato l’antenna senza la consapevolezza del primo cittadino. Una cosa del genere era successa l’anno scorso nei pressi del campo sportivo se qualcuno ancora ricorda.

  2. La questione antenna alla scuola elementare l’ha fatta Cascone. Savio, non vi appropriate di battaglie non vostre!!

  3. Innanzitutto le battaglie non hanno una paternità esclusiva. Ci mancherebbe. Ognuno può battersi per una giusta causa come meglio crede e le battaglie si portano avanti sino in fondo senza accontentarsi di atti amministrativi il cui scopo, spesso, rimane solo sulla carta. Abbiamo puntato l’interesse sull’antenna della scuola elementare perchè, oltre ad essere stati sollecitati da alcuni cittadini, il sindaco Capezzuto ci aveva dichiarato di averne ordinato la rimozione, rimozione che VERGOGNOSAMENTE non è ancora avvenuta e su questo punto noi ci batteremo con forza affinché quel ripetitore venga eliminato dal lastrico solaio della scuola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *