Home > Procida. Terra Murata: che spettacolo!

Procida. Terra Murata: che spettacolo!

venerdi-santo-a-procida-2008.jpgE’ uno spettacolo, in questi giorni , passeggiare per le viuzze dell’antico borgo medievale di Terra Murata.
Dappertutto, volgendo lo sguardo, si vede la vita.
Passato e presente si mescolano, integrandosi in un’armonia di operosità, che colpisce e ti fa venir voglia di esserci. E i giovani ci sono: E gli anziani ci sono. E gli “artigiani” ci sono. E i musicisti ci sono.
Un autentico laboratorio naturale che ospita “I Ragazzi dei Misteri”, il laboratorio musicale dei giovani di Artistika, la ritualità liturgica della Pasqua nell’Abbazia.
La cittadella vive così uno dei momenti più belli dell’anno isolano.
Dal borgo abbandonato dell’ex carcere fino al restaurato palazzo della cultura è un andirivieni di giovani e non che esprimono, in pieno il senso di partecipazione e di rinascita.
Magari fosse così tutto l’anno. Magari i ragazzi di Procida potessero godere di questi spazi per imparare a gestirli bene, a conservarli, a rispettarli.
Ad onor del vero un passo avanti si è fatto da quando l’Amministrazione Comunale ha messo a disposizione dei giovani spazi aperti e chiusi che stanno creando la cultura di una partecipazione consapevole anche, e soprattutto, con l’abitudine a vivere tutti i giorni la realtà fisica della nostra isola, già così naturalmente limitata.
“I Ragazzi dei Misteri” sono un’associazione che da anni preserva e trasmette alle giovani generazioni la cura di quel momento particolare che è la processione del Venerdì Santo a Procida.
I giovani sono seguiti dai responsabili dell’Associazione nella preparazione dei “ Misteri” che sfileranno per le vie dell’isola partendo all’alba proprio da Terra Murata.
La forza di queste tavole, al di là del dato artistico, è data dalla consapevolezza che sono frutto di lavoro fisico, di impegno, di “ nottate”, che resteranno indelebilmente impresse nel percorso di crescita individuale di ognuno di questi ragazzi. Queste sono le reali premesse per la nascita forte e radicata dell’identità di appartenenza e per la trasmissione di tradizioni e cultura.
baboratorio-musica-ass-artistika-procida.jpgIl laboratorio musicale , che ospita anche un gruppo teatrale, è locato in un interrato dell’ex Conservatorio delle Orfane e da mesi accoglie ragazzi e gruppi che utilizzano la sala per prove e registrazioni. Il laboratorio è tenuto dall’associazione Artistika che mette a disposizione gli impianti di registrazione, impianti voce, amplificatori per strumenti a corde, Pc e software per la creazione digitale e strumenti musicali (batteria, percussioni, tastiera, chitarre, basso, sax, violino.).
Anche questi ragazzi nonostante le difficoltà legate all’uso di una struttura che accoglie anche Università e varie manifestazioni, utilizzano lo spazio ben consapevoli della storia del luogo e della necessità di tutelarne la conservazione.
Un fatto curioso è accaduto qualche mese fa quando una band che stava provando ha visto due cagnolini barbaramente abbandonati sulla scoscesa roccia sottostante il palazzo.
Grazie all’intervento della protezione civile è stato possibile salvare i due cani che dopo appena 24 ore sono stati “adottati” da due famiglie dell’isola ( video su www.procida.tv).
Agli abitanti del luogo che forse, a volte, si vedono privati di una privacy di quartiere per l’andirivieni di mezzi e persone ci sentiamo di dire che anche così va vissuta realmente Procida, senza restrizioni e senza steccati fisici e culturali per la rinascita di zone che fino a poco tempo fa sono state dimenticate e abbandonate.
Magari anche l’ex struttura carceraria potesse veramente divenire patrimonio degli abitanti dell’isola e non cadere pezzo dopo pezzo sotto gli occhi indifferenti di tutti.

Alessandro Butera

da Il Golfo di venerdì 3 aprile

Lo potete leggere anche su sito del Forum di Procida – http://procida.forumfree.net

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *