Home > Procida Blog > Procida: Trasporti marittimi, si stava meglio quando si stava peggio!

Procida: Trasporti marittimi, si stava meglio quando si stava peggio!

Ogni giorno raggiungere la terraferma e/o la vicina isola d’Ischia è diventata una vera e propria missione impossibile. Ora come ora, accantonate le condizioni meteo marine avverse, i martoriati e vetusti mezzi in circolazione nel Golfo di Napoli soffrono di continue ed improvvise avarie o “motivi tecnici” con corse che saltano di punto in bianco ed anche a volerle documentare non si riesce a starci dietro. A farne le spese sono, in modo particolare, lavoratori, studenti e commercianti per i quali attese e code non si contano più. Per gli stessi raggiungere il luogo di lavoro, di studio o di carico delle merci rappresenta un’impresa così come far rientro a casa costituisce un vero e proprio miracolo. In tutto questo si prefigura, a breve, un’altro aumento del prezzo dei biglietti. Vergogna!!!

Da questo punto di vista invitiamo tutti coloro che sono protagonisti di qualsiasi disservizio a lasciare una traccia o un commento sulla nostra pagina facebook.

Potrebbe interessarti

Scala: Trasporti marittimi – Diritti dei disabili: questi sono passi in avanti

PROCIDA – Intervenendo sulla questione relativa alle difficoltà che incontrano disabili ed ammalati a raggiungere …

2 commenti

  1. donatella pandolfi

    e che dobbiamo commentare….è tutto l’anno che andiamo avanti e indietro con un orario trasporti fantasma con enormi problemi al lavoro per ritardi continuiti
    il nuovo orario non è mai entrato a regime a causa dei continui disservizi…
    Oggi aliscafo caremar nuovamente in avaria ed era rientrato solo ieri…
    è incredibile!

  2. Gennaro Cibelli

    E’ ovvio che saltano le corse la Regione Campania ha ridotto all’osso i fondi e poiche’ le compagnie di navigazione non riescono a rientrare nei costi col solo costo dei biglietti, o il margine di guadagno e’ esiguo non fanno partire le loro unita’, con l’unica giustificazione possibile “MOTIVI TECNICI” diversamente incorrerebbero nel reato di interruzzione di pubblico servizio!e’ ovvio no!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *