Home > cultura > Workshop e Stage: Archeologia e Valorizzazione del patrimonio Culturale emerso e sommerso

Workshop e Stage: Archeologia e Valorizzazione del patrimonio Culturale emerso e sommerso

Archeologia e Valorizzazione del patrimonio Culturale emerso e sommersoWorkshop e Stage: Archeologia e Valorizzazione del patrimonio Culturale emerso e sommerso, è il nuovo programma formativo che l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa attiverà su Procida-Vivara nel periodo 25 agosto – 6 settembre 2014.

Il percorso formativo è gratuito (ad eccezione delle spese di trasporto, vitto e alloggio) ed è destinato agli iscritti al Suor Orsola Benincasa e si articola in:

– workshop rivolto ai laureati entro i 12 mesi in Turismo per i Beni Culturali, Conservazione dei Beni Culturali, Archeologia e storia dell’Arte, Conservazione e restauro dei Beni Culturali

– stage/tirocinio per laureandi e studenti che saranno impegnati in 100 ore di attività convertibili fino a 4 Crediti Formativi.

I posti disponibili sono limitati a 10 laureati per il Workshop e 10 studenti per il Tirocinio.

Le Candidature vanno presentate entro il 16 luglio alle ore 12:00 inviando la richiesta di partecipazione e il proprio CV in formato Europeo ai seguenti indirizzi email: jplettere@unisob.na.it (per i candidati al Workshop) o stage.studenti@unisob.na.it (per i candidati al Tirocinio).

Si evidenzia che un requisito preferenziale alla selezione è essere residente a Procida.

Potrebbe interessarti

“Stelle su Procida”: Del Prete, Gragnaniello e Sannino in concerto in piazza Marina Grande

PROCIDA – Questa sera, nella suggestiva e spettacolare cornice di piazza Marina Grande, serata finale …

Un commento

  1. Perchè il Comitato

    di gestione della Riserva naturale Statale finanzia questi corsi ” mangia-soldi ” ,

    e non si preoccupa,minimamente,di adempiere ai suoi doveri istituzionali,quali l’attuazione di un piano di gestione,di un piano antincendi,di sistemazione della sentieristica,etcetcetc

    Si pensa solo a spillare soldi allo Stato,cioè.ai cittadini che pagano le tasse

    e,intanto,l’isolotto è chiuso al mondo intero da decenni… VERGOGNATEVI!
    CI VORREBBE UNA RIVOLUZIONE DI POPOLO! ALTRO CHE

    workshop e stronzate varie…

    gia ,per troppo anni, l’isola è oggetto di studi e pseudo-immersioni( vi ricordate glia anni 90,venivano da Roma un esercito di persone a fare le ricerche sottomarine….

    ora ,continuiamo con queste cose… basta.. non se ne può più…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *