Home > San Michele non è bastato: i tonni rossi (e i turchi) ritorneranno nella baia del “Caraugno”

San Michele non è bastato: i tonni rossi (e i turchi) ritorneranno nella baia del “Caraugno”

San Michele non è bastato: i tonni rossi ( e i turchi) ritorneranno nella baia del “Caraugno”.

Il fatto è possibile in quanto l’Amministrazione Comunale di Gerardo Lubrano si ha in pratica “rimangiato” l’annullamento della concessione alla cooperativa del “Cigno Verde” che aveva, a suo tempo, ottenuto di impiantare e gestire l’impianto dell’allevamento in uno dei posti più belli dell’isola.

Infatti, la Giunta Municipale, con una delibera del 10 marzo scorso, ha espresso parere positivo alla proposta formulata dalle società “Il Cigno Verde” e “Akua Italia” (la prima concessionaria dell’allevamento, la seconda subentrante nella gestione, ex art. 46 del Codice della Navigazione) tendente, appunto, al ripristino dell’allevamento, con l’ eventuale estensione dell’area marittima occupata attualmente che consta di circa 26.400 metri quadri di mare.
La delibera parla di “condizioni da convenirsi”, ma dalla lettura integrale dell’atto amministrativo si capisce subito quali sono queste condizioni.
Il Comune chiede, a fronte della proposta ricevuta , un canone annuo di 100. 000 euro (le società richiedenti ne hanno proposto 50.000) e il contributo del 50% di un locale fittato in via Roma da adibire ad attività inerenti la pesca.
Il Cigno Verde e Akua Italia avevano, inoltre, manifestato la loro disponibilità ad avere “rapporti di mercato con i pescatori locali di Procida, sia per l’acquisto del pesce per l’alimentazione dei tonni nelle gabbie dell’impianto di maricoltura,, sia per la vendita ai pescatore locali di una parte dei tonni allevati nell’impianto”. La disponibilità si estende “ a favorire ulteriori occasioni di sviluppo per la comunità locale di Procida, come la formazione di esperti sommozzatori, il consentire visite guidate all’ impianto di maricoltura, la produzione di filmati divulgativi, ecc.”. L’assessore alla Pesca e Risorsa Mare Salvatore Costagliola così spiega il provvedimento: .
Com’è noto il Comune, aveva dichiarato la decadenza dell’atto di concessione dell’area, in n° 03/2001, rilasciato in data 13/11/ 2001, con decreto del 18/10/2007, prot. 15213, in quanto il “Cigno Verde”, aveva trasferito “senza alcuna autorizzazione e senza fornire idonee giustificazioni ad altro soggetto giuridico” (proprio alla società “Akua Italia”,ndr). L’architetto Salvatore Ruocco, dirigente dell’Ufficio Tecnico Comunale, firmatario del provvedimento, aveva dimenticato, comunque, di citare altre inadempienze. Irregolarità che la Capitaneria di Porto di Procida, attraverso una denuncia del comandante, il tenente di vascello Giuseppe Marzano, aveva segnalato alla Procura della Repubblica di Napoli: fatti, come l’originaria destinazione dell’impianto fosse quella di allevare spigole ed orate, invece che tonni rossi; e che il numero di gabbie era stato portato arbitrariamente da due a tre. Inoltre, il Comune risultava aver rilasciato la concessione, in assenza della valutazione di impatto ambientale, prevista dalla legge, dal momento che la baia del Caraugno rientra nei siti censiti dall’U.E., d’importanza comunitaria. A tal riguardo giova ricordare che la Procura della Repubblica di Napoli ha emesso avvisi di garanzia nei riguardi dei rappresentati del Cigno Verde e di Akua Italia.
Torniamo al comportamento del Comune. Dopo aver dichiarato la decadenza della concessione, l’Ente ha nominato l’avvocato Luigi Maria D’Angiolella, quale suo difensore, nel giudizio promosso al TAR Campania contro il provvedimento, dal Cigno Verde. Il quale, successivamente, come già detto, prima informalmente, e poi formalmente, ha chiesto al Comune di “superare il contenzioso in atto attraverso la revoca, in sede di autotutela, del provvedimento del 18 /10/ 2007 di decadenza della concessione e la rivisitazione dell’intera fattispecie di cui alla concessione, con ulteriori oneri per la concessionaria cui subentrerebbe la società Akua Italia”.

Intanto il consigliere Dino Ambrosino, consigliere comunale del PD, ha presentato un’interrogazione al Sindaco a riguardo. A giorni, ci risulta, la minoranza consiliare si appresta a dare battaglia nel civico consesso per fare chiarezza sulla vicenda.
Domenico Ambrosino – Direttore Procida Oggi

San Michele non è bastato: i tonni rossi ( e i turchi) ritorneranno nella baia del “Caraugno”
Procida TV – Just Play 4 You ! ! ! – Venerdì 11 Luglio 2008

© Procida TV – Just Play 4 You ! ! !

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *