Un patto con i sindaci delle isole. Arriva il piano Vetrella.

Patto d’acciaio con i sindaci delle isole, l’assessore prepara il piano antiparalisi.

IL MATTINO – Parola d’ordine, non cedere alle pressioni degli armatori privati. In caso di blocco dei collegamenti, la Regione garantirà i servizi da un lato attraverso la Caremar e dall’altro prendendo in fitto navi ed aliscafi da armatori che operano al di fuori delle acque campane. Dopo le polemiche delle ultime settimane dunque, si rinsalda l’asse fra Regione ed amministratori isolani, che sulla centralità del servizio di pubblica utilità hanno deciso di fare quadrato. «Aspetto la risposta dell’Antitrust, senza alcun pregiudizio – dichiara l’assessore Sergio Vetrella – sebbene sia convinto che la legge sia chiara: è necessaria la gara europea. Le spese e gli ammortamenti? Mi sa tanto – continua l’assessore – di una posizione solo strumentale degli armatori. Potrei dare loro ragione se si trattasse di una attività nuova, invece svolgono in molti casi un servizio inadeguato, con mezzi vecchi e qualitativamente discutibili. Dicono che non percepiscono una centesimo dagli enti pubblici, allora perché insistono tanto per avere una proroga triennale senza la gara europea?». La schiarita nei rapporti fra governo regionale e istituzioni locali c’è stata ieri pomeriggio, a conclusione del vertice che si è svolto fra Vetrella, il presidente della commissione trasporti Domenico De Siano e i sindaci di Capri, Ischia e Procida, alla presenza di un delegato del prefetto, accorso dopo aver appreso della rottura con gli armatori che potrebbe portare alla paralisi dei collegamenti. L’incontro si è così rapidamente trasformato in una sorta di «unità di crisi». Il delegato ha preso informazioni per verificare la possibilità di giungere alla precettazione di mezzi ed equipaggi per garantire i servizi minimi essenziali in caso di serrata. Convocati d’urgenza i vertici della Caremar, in grado, secondo la loro valutazione, di coprire in caso d’emergenza fino al trenta per cento dei collegamenti attualmente previsti. «Il fatto che i privati abbiano poi deciso di soprassedere non significa che la minaccia non venga concretizzata fra qualche giorno. Per cui – è l’opinione del sindaco di Ischia, Giosi Ferrandino – fa bene la Regione a prevedere subito dei meccanismi di compensazione del disagio». Pieno appoggio dunque all’operato futuro della Regione, così come del resto viene ribadito anche dagli amministratori di Procida e di Capri. «Per la prima volta – scrivono in un comunicato i sindaci di Capri e Anacapri – la Regione non abdica al suo ruolo per garantire efficacia, efficienza, quantità e qualità al trasporto marittimo nel golfo. La gara europea voluta dall’assessore Vetrella e da sempre rivendicata dalle amministrazioni isolane – conclide il documento – sarà la base per avere finalmente regole certe a tutto vantaggio della qualità dei servizi». (da IL MATTINO del 15 gennaio 2011)

Potrebbe interessarti

Dalla mezzanotte di oggi attesi temporali, vento forte e mare agitato

PROCIDA  – La Protezione civile della Regione Campania ha diramato una nuova allerta meteo Arancione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.