Home > Eventi > Un abito racconta la storia di Procida. Mostra dal 4 al 20 agosto

Un abito racconta la storia di Procida. Mostra dal 4 al 20 agosto

PROCIDA – Sei splendidi abiti storici delle procidane raccontano della grande Procida marinara del passato. Il taglio orientale, le sete e i ricami in oro risalgono al medioevo islamico e ai rapporti commerciali con il mondo ottomano del cinquecento. Il corsetto aperto davanti ad offrire il seno si rifà alle sculture cretesi, decorato con i simboli della fertilità e del mare. La donna è elemento portante di un mondo cosmopolita di armatori, navigatori e mercanti, gestisce l’economia e la società di un’isola ricca e popolosa. Il suo abbigliamento ne identifica il valore. Nell’ottocento ispira i pittori di tutta Europa sedotti dall’orientalismo rendendo Procida meta del Grand Tour e inducendo La Martine a farla protagonista del suo popolare romanzo.

La ricamatrice dell’oro Lena Costagliola di Polidoro e la costumista Elisabetta Montaldo, autrici del progetto di recupero del costume procidano, mettono in mostra i loro lavori ed alcuni costumi settecenteschi donati al Comune di Procida da importanti famiglie di armatori.

La mostra, ubicata in via V. Emanuele n. 66, che dal 4 agosto resterà aperta ogni giorno fino al 20 agosto, dalle ore 18,30 alle ore 22,00, è il coronamento di un lavoro iniziato otto anni fa di rifacimento, recupero e restauro dell’oggetto simbolo dell’identità dell’isola da secoli eccellenza della marineria internazionale.

Elisabetta Montaldo, pluripremiata costumista del cinema e dell’opera lirica, si è dedicata negli ultimi anni attraverso i suoi libri e la sua pittura alla tutela dei beni storici dell’isola.

Lena Costagliola di Polidoro è una delle ultime artigiane nel mondo a conoscere e praticare l’antica arte del ricamo in oro risalente alla cultura islamica medievale.

Il loro lavoro comune ha resuscitato un artigianato fermo da due secoli permettendo alle famiglie dell’isola di acquisire l’antico costume (foto di Donatella Pandolfi) e continuare a tramandarlo di madre in figlia.

Nel corso della mostra verrà presentato il loro ultimo lavoro reso possibile dalla collaborazione con la sartoria romana Low Costume che lavora per i più importanti progetti in costume, da le Cirque du Soleil ai teatri lirici del mondo, dagli show legati ai giochi olimpici alle ricostruzioni storiche in costumi antichi. Saranno anche esposte le riproduzioni dei quadri ottocenteschi inediti che descrivono la donna procidana e le foto artistiche del regista Renato Muro che trasformano gli ingrandimenti dei tessuti e dei ricami settecenteschi in quadri astratti.

Potrebbe interessarti

Caremar: rimodulazione orari in occasione della Festa del Porto Borbonico d’Ischia

PROCIDA – La società di navigazione Caremar informa la gentile clientela che Giorno 19 settembre …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *