Home > Ambiente > Venerdì 28 marzo a partire dalle ore 9.30, presidio del PCIML sulla spiaggia di “punta della lingua”

Venerdì 28 marzo a partire dalle ore 9.30, presidio del PCIML sulla spiaggia di “punta della lingua”

spiaggia lingua2di Gennaro Savio

Sull’isola di Graziella non si placano le polemiche per la realizzazione, sulla scogliera della spiaggia di Punta della Lingua, di uno stabilimento balneare. Dopo le dimostranze di tanti procidani e di parecchi turisti da sempre frequentatori ed estimatori dell’Isola e dopo gli esposti presentati alla Procura della Repubblica da Domenico Savio, Segretario generale del PCIML, non si fermano le iniziative affinché sulla spiaggia di “Punta della Lingua” venga ripristinato lo stato dei luoghi. Infatti il PCIML ha organizzato un presidio che si terrà venerdì prossimo 28 marzo 2014 a partire dalle ore 9.30 proprio sulla spiaggia di “Punta della Lingua”. “Quella di venerdì rappresenta solo una prima iniziativa di sensibilizzazione della cittadinanza sull’argomento – ha affermato Domenico Savio –, sarà l’occasione per spiegare sul posto le ragioni della battaglia che in queste settimane stiamo portando avanti contro la realizzazione di quello scandalo sulla scogliera di “Punta della Lingua” e anche per dare la possibilità ai cittadini di Procida che lo vorranno di rendersi conto dello scempio in atto, che deturpa il patrimonio ambientale e paesistico della zona. Sulle spiagge libere – ha proseguito Savio – pretendiamo che il Comune garantisca i servizi necessari e gratuiti senza arrecare danno all’ambiente, i cittadini pagano le tasse anche per questo. Denunceremo ancora una volta con forza – ha sottolineato il Segretario generale del PCIML – il fatto che in Italia, e particolarmente sulle isole del Golfo di Napoli, mentre le Istituzioni dello Stato spesso ad un semplice cittadino negano persino il permesso di realizzare una tettoia sul balcone onde evitare che la pioggia entri in casa poi consentono la realizzazione di uno stabilimento balneare sulla scogliera di una spiaggia: vergogna. Inutile sottolineare – conclude Savio – che sono invitati a partecipare tutti i cittadini dell’Isola, le associazioni ambientaliste e non, le forze politiche e sociali democratiche e antifasciste, i sindacati e tutti coloro che vogliono opporsi allo scempio ambientale in atto e difendere il patrimonio naturalistico, ambientale e paesistico di Procida.”

Potrebbe interessarti

Settimana calda per la politica procidana tra Consiglio Comunale e nomine

PROCIDA – Il presidente del Consiglio Comunale Antonio Intartaglia ha convocato per giorno 13 agosto …

9 commenti

  1. Ma quando su quella spiaggia c’erano le baracche abusive, la discarica della munnezza ed il costone franava, nessuno si indignava? Indignazione ad personam

  2. E allora perchè non la ricopriamo con un bel masso di cemento con le mattonelle sopra, così viene ancora piu pulita?

  3. Secondo me le manifestazioni contro lo stabilimento è solo una scusa , ma in realtà e’ una accanimento verso i proprietari…. Volevo sapere se erano ragazzi che iniziavano nuovi passi nel mondo lavorativo , magari non ne stavamo nemmeno a parlare .
    Fino a oggi non si e’ parlato che la gente andava sulla spiaggia libera con il rischio di frane , topi che pascolavano nella sabbia . Che aspettavamo che scappava il morto ???
    Paese piccolo mente piccola e tutti bravi a criticare

  4. Ognuno raccoglie ciò che semina!!!!

  5. Pensavo che fossero ragazzi i soci di questa stabilimento ma a sentire parlare francesco sono solo dei prestanome? E inutile tentare di rivoltare sempre la minestra e dare la colpa dell critiche a questa o qell’altra cosa. La verità è che quello a livello ambientale è UN OBROBRIO! Un obrobrio speculativo. E allora se si combatte l’abusivismo speculativo da parte sopratutto dei beni ambientali, come è possibile che poi si permetta questo? E’ questo che non va! Chi puo fare le INDECENZE e chi invece non puo fare nemmeno le cose decenti! E così viene fuori che Procida diventa un piccolo paese di piccole menti, perche i “vecchietti” non possono fare i propri comodi! Siamo ROVINATI!!!

  6. il problema è l’invidia verso il proprietario…..caro savio vieni a racimolare questi 4 voti a procida,perchè sai che a ischia se ti metti di traverso a qualche iniziativa di vocazione turistica sono guai….qui con l’invidia e la cattiveria che ci contraddistingue hai terreno facile.
    Poi vorrei ricordare che la battaglia è portata avanti da te,cosenza e qualche altro scienziato/a….CI FOSSE UN PROCIDANO!!!! se volete venire a procida e trovare sempre gli asinelli per strada e le persone con l’anello al naso perchè vi piace la vacanza stile anni 50 è meglio che cambiate rotta,ci avete stufati,vogliamo crescere,lasciateci liberi.
    PS.ci vuole una bella faccia per dire”Riuscito il sit-in della lingua” eravate 14,di cui 8 forze dell ordine,voi savio,e quello che ti manteneva l’altoparlante…..uno share del 60%!

  7. Non ti fermare Savio. Dai uno schiaffo a questo popolino che si lamenta continuamente e poi se la fa sotto e ha paura di partecipare e protestare per le proprie idee.
    Tu che sei un uomo libero e credi ancora in una giustizia che purtroppo non esiste, rall nfaccie!!!!!

  8. Come si evince dal numero di partecipanti, il popolo non si lamenta affatto sono solo poche voci sparute. Su 10627 abitanti di Procida, 10613 preferiscono la bellezza curata e solo 14 quella selvaggia…….questione di gusti. Il ritrovamento di materiale eternit rivela lo stato di abbandono di questo meraviglioso angolo di paradiso; è su quella sabbia che i procidani e i turisti si posavano per trascorrere delle ore di relax. Che ben venga il solarium e chi lo coordinerà. In bocca al lupo e ad maiora

  9. la pochezza di noi procidani….tutti uniti con lo straniero,contro il procidano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *