Guardia costiera: «rivoluzione rosa». A Procida il tenente Flavia La Spada sostituisce Gianluca Oliveti

A partire dall’8 settembre prossimo il nuovo comandante della Guardia costiera di Procida sarà una donna, con l’arrivo del tenente Flavia La Spada (nella foto) che subentra al collega Gianluca Oliveti che ben ha operato sull’isola in questi due anni di servizio. La sua formazione: Laurea in Giurisprudenza alla   Luiss.
Come scrive Franco Mancusi sul quotidiano Il Mattino: il cambio  in rosa in arrivo ai vertici delle Capitanerie di Porto che vede per la prima volta tre donne designate al comando di importanti centri operativi della Guardia Costiera;  rappresenta un pò una rivoluziuone. A cominciare dall’età: tutte e tre giovanissime, dai 36 ai 38 anni.
Insieme  a Procida infatti, nei prossimi giorni il cambio al femminile toccherà anche gli scali di Torre Annunziata con l’insediamento del tenente di vascello Claudia Di Luca in sostituzione del comandante Massimo Lombardi e Pozzuoli dove il tenente Caterina Piccirilli prenderà il posto del collega Amedeo Nacarlo.
Sono entrambe laureate in Giurisprudenza com ela collega La Spada, ma alla Federico II di Napoli. Torre Annunziata, Pozzuoli e Procida sono  località strategiche per il controllo della sicurezza e delle attività produttive del golfo.

Come osserva l’ammiraglio Domenico Picone, direttore del compartimento marittimo della Campania: “E’ la prova tangibile di quanto sia cambiata la realtà nell’impegno quotidiano che i nostri operatori svolgono per la difesa del mare”

Un cambio che dimostra quanto profonde siano le trasformazioni in atto nella pubblica amministrazione e all’interno dei corpi di polizia.
Le prime impressioni fra i pescatori e i marittimi degli scali interessati sono di grande simpatia, oltre che di prevedibile curiosità, per le trasformazioni in corso.

Potrebbe interessarti

Allerta meteo Arancione, in arrivo venti forti da sud

PROCIDA -La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo sull’intero …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *