Home > Pozzuoli > Dove sono finite le biglietterie delle compagnie di navigazione a Pozzuoli?

Dove sono finite le biglietterie delle compagnie di navigazione a Pozzuoli?

La domanda sorge spontanea a chi, giunto in prossimità dell’area portuale dello storico approdo di Pozzuoli proveniente dalla stazione della Cumana o scendendo al capolinea dei pullman oppure con macchina o motorino, intende imbarcare per le isole di Procida ed Ischia.
Da quando, infatti, sono scomparsi, in prossimità della banchina, i piccoli moduli prefabbricati che ospitavano le biglietterie delle varie società di navigazione, sia pubbliche che private, sembra per motivi di sicurezza, per i procidani e per i tanti turisti che scelgono Pozzuoli come punto di imbarco, è diventata una vera e propria “caccia al tesoro” munirsi dell’obbligatorio titolo di viaggio.
Senza il supporto di cartelli ed indicazioni, infatti, l’ignaro utente di turno è costretto, di volta in volta, a vagare per decine di minuti alla ricerca del botteghino o, peggio ancora, fare da “incazzato” spettatore al traghetto che molla le cime e parte inesorabilmente.
Ultimamente, poi, a seguito dell’ennesimo spostamento, i botteghini/biglietterie sono stati collocati in prossimità della zona mercato, il che significa, soprattutto per i pedoni, dover fare, tra ricerche, domande e indicazioni a braccia, oltre due chilometri a piedi prima di poter giungere al portellone d’imbarco.
In un paese, quasi, civile la mente di un simile percorso ad ostacoli (come non sottolineare le condizioni disumane, con il solleone o in condizioni meteo avverse, cui sono costretti a muoversi genitori con bimbi in carrozzina, portatori di handicap o anziani senza accompagnatore) sarebbe stato rimosso alla sola esposizione della “pensata”. In Italia, purtroppo, si trova difficoltà anche solo ad indignarsi davanti all’ennesimo disservizio che il cittadino deve sopportare non si sa in nome di quale “nobile” disegno.
Ma, le novità non sono ancora finite. Al danno, infatti, si aggiunge anche la beffa quando, una volta arrivati all’agognata meta (la biglietteria) si trova un bel regalo ad attenderci: l’aumento del costo del biglietto.

Potrebbe interessarti

LO SLOW STEAMING

Di Felice Magarelli La profonda crisi finanziaria iniziata nel 2008 che ha investito tutti i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *