Home > procida > Formazione, M5S: Da ‘Garanzia Giovani’ a ‘Disgrazia Giovani’. Tirocinanti ancora senza indennità

Formazione, M5S: Da ‘Garanzia Giovani’ a ‘Disgrazia Giovani’. Tirocinanti ancora senza indennità

Napoli, 21 Aprile 2017 – (c.s.) “Da ‘Garanzia Giovani’ siamo passati a ‘Disgrazia Giovani”, chi ha partecipato e partecipa ai tirocini formativi si vede ancora negato il diritto di ricevere l’indennità ed in molti casi perfino l’attestato”. Lo denuncia Gennaro Saiello, consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle che stamane ha partecipato a un sit in di protesta davanti alla Regione Campania di molti giovani impegnati nel programma ‘Garanzia Giovani’. “Con una delegazione abbiamo incontrato un dirigente – sottolinea Saiello – che di fronte alle criticità elencate dai tirocinanti ha ammesso dell’esistenza di problemi e sfasature nel programma ‘Garanzia Giovani’”. “Uno dei problemi più sentiti che ha indotto l’organizzazione della protesta – spiega –  è la mancata corrispondenza o i significativi ritardi nei pagamenti delle indennità di frequenza”. “Proprio su questo punto – aggiunge il consigliere – siamo in attesa di risposte ad una nostra interrogazione da parte della Giunta e in particolare dal presidente De Luca, e dagli assessori al Lavoro e alle Politiche sociali rispettivamente Palmeri e Fortini”. “Voglio ricordare che la Regione Campania ha stipulato con il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali una convenzione – evidenzia – per l’utilizzo dei fondi e dove sono dettate le modalità di pagamento delle indennità a favore dei beneficiari del programma ‘Garanzia Giovani’”. “Il pagamento delle indennità ai giovani partecipanti ai tirocini – fa notare il consigliere – devono essere erogate a cascata dalla Regione attraverso l’Istituto di previdenza sociale”. “I tirocinanti di fronte ai significativi ritardi – dice Saiello – si sentono rispondere dagli uffici dedicati che si tratta ‘semplicemente’ di problemi ‘fisiologici’”. “Si tratta, invece, di ritardi inaccettabili che ci hanno spinto a partecipare al sit in di protesta – aggiunge – il Movimento 5 Stelle lavora affinché l’ opportunità di incentivo per la formazione e per l’inserimento nel mondo del lavoro non si trasformi da ‘Garanzia Giovani’ a ‘Disgrazia Giovani’”. “Chiediamo per l’ennesima volta alla Giunta e in particolare agli assessori al Lavoro e alle Politiche sociali – conclude Saiello –  i motivi del ritardo dei pagamenti e quali provvedimenti insieme agli uffici dedicati hanno intenzione di adottare per risolvere le criticità”.

Potrebbe interessarti

Partito il corso per la formazione delle guide per la RNS isola di Vivara

PROCIDA – Presso l’Aula “V. Parascandola” del Comune in via Libertà hanno preso avvio le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *