Home > associazionismo > Giaquinto: Ora si entra nella fase operativa della Programmazione turistica 2014.

Giaquinto: Ora si entra nella fase operativa della Programmazione turistica 2014.

giuseppe giaquintoDopo una prima fase conoscitiva dedicata all’ incontro con i portatori di interesse del territorio, il consigliere delegato al turismo, Giuseppe Giaquinto, in accordo con il Sindaco Vincenzo Capuzzuto, ha emanato un bando pubblico per raccogliere le iniziative promosse da Associazioni Culturali Locali, Comitati, Parrocchie, Agenzie Turistiche, Cittadini residenti, etc, tali da andare a costituire l’ossatura portante della “Programmazione Turistica Anno 2014 Eventi e Manifestazioni”. Nel bando si legge:

Premesso che quest’Amministrazione nel proprio programma politico ed amministrativo ha individuato nel turismo una risorsa strategica dell’isola per favorire la crescita dell’economia locale e la piena occupazione; le manifestazioni e gli eventi del 2013 hanno  ricevuto un ottimo riscontro  di critica e di pubblico confermato dall’ampio risalto ricevuto dai media regionali e nazionali con servizi anche sulle reti Rai e dalle numerose presenze di partecipanti alle singole iniziative;

Visto che per l’anno 2014 questo Comune ha intrapreso una serie di azioni positive quali il rilancio dell’immagine dell’isola, la promozione e lo sviluppo del turismo, l’incremento dei visitatori e dei turisti in periodi di bassa stagione, la creazione di momenti di svago e di sano intrattenimento per i residenti, la valorizzazione dell’identità, delle tradizioni, degli usi e dei costumi, delle bellezze naturali e paesaggistiche;

Considerato che la programmazione anticipata di iniziative e di progetti turistici è azione necessaria per:

1        veicolare la presenza di turisti e visitatori sul territorio ovviando alle difficoltà economiche dell’Ente che non permettono la realizzazione di adeguate  e sostenute campagne pubblicitarie;

2        promozionare già dal mese Aprile attraverso la stampa ed i media nazionali  in coordinamento con la Regione Campania, la Provincia di Napoli,  l’AACST di Ischia e Procida ed altre organizzazioni pubbliche e private, le iniziative da realizzarsi nel 2014 al fine di garantire la più ampia e proficua visibilità con l’inserimento gratuito in portali di settore, riviste specializzate, programmi televisivi;

3        reperire, dopo un’attenta valutazione delle proposte, adeguate risorse economiche nel bilancio preventivo di questo Comune in corso di approvazione ed avanzare richieste di contributi finanziari ad Enti Sovracomunali e ad Istituzioni Pubbliche e Private;

4        garantire un adeguato coordinamento da parte degli Uffici Comunali delle iniziative da realizzarsi  e per dare un filo logico alle stesse;

5        evitare inutili sovrapposizioni delle iniziative a discapito della qualità delle stesse in considerazione dell’esiguità di risorse economiche e di strutture adeguate sul territorio;

Ritenuto, pertanto, per quanto premesso, visto e considerato, necessario ed indispensabile programmare anzitempo la stagione turistica 2014 onde meglio ottimizzare le limitate risorse disponibili salvo intervento di Enti sovracomunali;

INVITA gli interessati ad essere inseriti nella programmazione 2014, a far pervenire le proprie proposte entro il 25 marzo  2014 presso il protocollo Generale del Comune di Procida  – Via Libertà 12 bis, Procida (Na) indirizzate al Servizio Turismo facendo esplicito riferimento al presente Avviso.

Potrebbe interessarti

“Stelle su Procida”: Del Prete, Gragnaniello e Sannino in concerto in piazza Marina Grande

PROCIDA – Questa sera, nella suggestiva e spettacolare cornice di piazza Marina Grande, serata finale …

8 commenti

  1. il cerusico di mare

    In pratica significa che tutte le associazioni che ogni anno fanno quello che dovrebbero fare altri (vedi Benvenuta estate, portoni aperti, sagra del limone ecc) senza ricevere una lira dovranno impegnarsi già da adesso per portare turisti a beneficio di alberghi ristoranti ecc. Ma non dovrebbero essere loro a impegnarsi, magari aiutando economicamente le associazioni e non imponendole i giorni in cui fare le manifestazioni perché loro il venerdì e il sabato devono “lavorare sul sicuro”.
    Caro Giaquinnto chi fa il falegname per esempio non cerca l’aiuto nel comune a convincere tutti i procidani a sostituire l’alluminio anodizzato perché è brutto, ma cerca di proporre prodotti innovativi e servizi, perché gli operatori turistici hanno bisogno di chi gli fornisce il turismo?

    Disse Totò…Armiamoci e combattete!!

  2. Ischia va alla BIT di Berlino a promuovere il turismo. Noi invece stiamo da 2 mesi a fare riunioni tra di noi con Giaquinto e Capezzuto. Stamm nguaiat. Ma che turismo parliamo che la gente che viene qui ci fa una chiavica quando va via? Non vi è un solo motivo per spendere i propri soldi a Procida: zero servizi, zero assistenza al turista, tassisti che non parlano una parola di inglese, tutto si regge sul volontariato delle associazioni a cui adesso questi soggetti vorrebbero mettere il cappello politico. Ma dimettetevi massa di incompetenti e forse riusciremo a risorgere. Incapaci.

  3. Giancarlo Di Marco

    IL solito blabla nessuno dice niente di interventi strutturale

    – le spiagge che crollano o non ci sono piu
    – procida senza cestini
    – procida senza sentieri per i pedoni
    – traffico pericoloso che impedisce lo spostamento –
    – infrastrutura pessima (apparte naturalmente gli ombrelloni…)
    – nessuna infrastruttura culturale ( mostre ……)
    – nessuno possibilita di sport
    – no si puo fare una festa neanche a feragosto perche gli amici del sindaco vogliono dormire
    – appena finisce la stagione i ristoranti chiudono e il turista e costretto a mangiare in pizzeria….
    -nessun punto di informazione
    -Vivara chiusa come sempre
    -terra murata chiusa che continua a crollare
    -trasporti pubblici pessimi
    -una parte di coricella dove la fogna finisce ancora a mare
    -trasporto maritimo troppo caro per chi viene solo un weekend
    e tante altre cose

  4. il cerusico di mare

    Caro Giaquinto invece di perdere tempo a pettinare i capelli alle bambole cerca di approfondire con chi di dovere queste notizie.

    Ecco il Bando per le Reti di Imprese nel Turismo

    È stato pubblicato il bando definitivo per la “concessione di contributi a favore delle reti di impresa operanti nel settore del turismo”, anticipato dal Decreto del Ministero per gli Affari regionali, il Turismo e lo Sport pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 19.4.2013: quest’ultimo, già segnalato in un post pubblicato su questo blog il 24 aprile 2013, era una specie di “pre – bando” contenente le prime informazioni utili.
    La versione “definitiva” del bando è riportata nel Decreto 8 gennaio 2013 del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo.

    http://www.retipmi.it/pmi/news/newstutte/item/612-ecco-il-bando-per-le-reti-di-imprese-nel-turismo

    Caro Luigi e caro Vincenzo dategli un occhio al ragazzo!!!! Che vi fa fare brutta figura.

  5. da oltre trenta anni tutti i politici di turno si riempiono la bocca a caratteri cubitali della parola TURISMO….della vocazione turistica di Procida, ecc.eccc. bla bla bla di concreto non si è mai visto niente e mai se ne vedrà qualcosa….ah una cosa l’han fatto hanno istituito la tassa di sbarco anche per i procidani non residenti, bella cosa così ai costi già esagerati per raggiungere l’isola si aggiunge anche questo balzello e mi sembra che vogliano anche aumentarlo….tanto per dare un altro colpo di grazia alle già poche presenze di turisti durante quei pochi giorni di agosto…….come si dice, mentr u mierc sturej u malat more

  6. il cerusico di mare

    Ma è possibile che nessuno e dico nessuno capisce che la tassa di sbarco (oltre ad essere una tassa comune a tanti comuni e che molti di noi pagano e stanno zitti quando vanno in vacanza) è una cosa sacrosanta poiché chi viene per un giorno sporca e usa le spiagge ecc ecc. Poi se il discorso è sempre lo stesso e cioè non ci deve essere perché l’isola deve essere raggiunta facilmente e gli “operatori turistici” si devono arricchire allora che si tolga subito.

    IO PENSO INVECE CHE LA TASSA DI SBARCO SIA UNA BARRIERA ALL’ENTRATA PER UN TURISMO DI MASSA CHE NON SERVE A NESSUNO. IO ANZI LA PUBBLICIZZEREI I TAL MODO SU STAMPA SPECIALIZZATA PER TURISTI DI QUALITÀ’ DICENDOGLI CHIARAMENTE…STAI PAGANDO LA TASSA DI SBARCO COSI AVRAI UN ISOLA PIù TRANQUILLA.

    PER LA CRONACA UNA FAMIGLIA DI TURISTI DI “QUALITA’ ” FA GUADAGNARE QUANTO CENTO FAMIGLIE DI MORDI E FUGGI.

    MA QUESTO SICURAMENTE IL SINDACO CHE è PERSONA CAPACE INSIEME A LUIGI (ANCORA PIù CAPACE E ESPERTO) LO SPIEGHERANNO PRIMA O POI AGLI OPERATORI E AL DELEGATO AL TURISMO…ALMENO LO SPERO.

    • Giovanni Martino

      Caro cerusico di mare, se si facesse come dici tu, l’isola resterebbe certamente tranquilla, perche’ con i prezzi che ci sono e con quello che offre nessuno piu’ ci metterebbe piede, manco per un giorno (..e gia’ accade…). Con quello che spende, ad oggi, una famiglia di quattro persone solo di biglietto del traghetto A/R ci trascorre una giornata sulle spiagge di Sorrento. Provare per credere. Invece, l’isola andrebbe prima ben curata, pulita ed organizzata e poi offerta sul mercato turistico, anche internazionale. Solo in questo modo attiri l’attenzione di quelle famiglie che tu definisci di “qualita” ed il turista mordi e fuggi non verrebbe perche’ si troverebbe talmente fuori dal suo ambiente da rimanerne isolato.Giusta la tassa di sbarco, ma poi?…Semplicemente il nulla! Ma l’esempio e l’esperienza che offrono gli abitanti delle “SORELLE” maggiori del golfo e non solo proprio non la si vuole tener presente? Se niente offri, ciarpame ti rimane!!
      E chi amministra, oggi, ben lo sa.

      • il cerusico di mare

        Sono perfettamente d’accordo con te, e quello che hai appena scritto lo avevo anticipato in un altro commento, comunque sei stato chiaro ed esaustivo. E’ stata infatti una mia mancanza non dire che poi la tassa di sbarco serve a far si che l’isola sia accogliente e a misura d’uomo e non sperperata per altre ragioni. Spesso in viaggio mi imbatto in questi balzelli e ho capito che quando li trovo è segno di organizzazione e serietà poiché oggi queste iniziative devono essere giustificate oltre che programmate. E quindi credo che le famiglie di qualità ne siano al corrente come me. quindi se si applica si deve anche offrire qualcosa di buono …questo per me era sottinteso , ma sono d’accordo con te che andava specificato.

        buona giornata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *