Home > procida > Immigrazione selvaggia: una bomba che influenzerà il voto del 4 marzo

Immigrazione selvaggia: una bomba che influenzerà il voto del 4 marzo

Di Geppino Pugliese

PROCIDA – Prima di accingermi a scrivere questo articolo, ho riflettuto molto, sulla più o meno opportunità di farlo. Mi sono deciso solo perchè ritenevo e ritengo che gli avvenimenti sono stati così sconvolgenti e catastrofici, che valeva la pena farlo.

Mettiamo un punto fermo: “L’immigrazione tout.court, senza bavaglio, nè filtri, è VOLUTA dalla SINISTRA CLERICALE di cui Renzi è il capo. Poi, c’è, la stragrande maggioranza (tra cui, il sottoscritto) che la pensa diversamente, e ritiene che l’immigrazione deve essere controllata, gestita e governata.

La prima parte politica, vuole il caos, il degrado sociale, l’arricchimento delle cooperative di accoglienza, lo ius.soli, e, logicamente, i “voti elettorali”.

Noi ci opponiamo all’imbarbarimento, alla distruzione della coesione sociale, affermiamo a viva voce che: Chi è clandestino,chi ha il permesso di soggiorno scaduto, chi è in attesa di asilo politico, DEVE IMMEDIATAMENTE USCIRE DAL TERRITORIO ITALIANO.

Sono accettati solo i permessi lavorativi accreditati dal Consolato Italiano.

Ormai, è risaputo, che il 95% delle persone che arrivano in Italia non lo fanno perchè scappano dalle guerre, ma, SOLO ED ESCLUSIVAMENTE, perchè l’Italia è il paese di Bengodi.

Tutte queste persone che sono riuscite ad entrare in Italia, saranno costrette a vivere di stenti, a delinquere per sopravvivere. E, questo, è inaccettabile. La nostra beneamata Italietta, piena di debiti e disoccupazione, non può permettersi QUESTA FOLLIA.

Potrebbe interessarti

Le ragioni di Vincenzo Onorato, armatore “patriota”

di Nicola Silenti da Destra.it Un settore d’eccellenza, un fronte economico in costante ascesa, un’industria quanto …

2 commenti

  1. Resta un mistero la scelta di alcuni esponenti politici che, vantano cultura e formazione eccellenti, ma appoggiano ” sconsideratamente ” il selvaggio sistema immigratorio, volto a depauperare la nostra bella penisola !
    Certe squalificanti operazioni di governo non hanno senso… allontanano gli elettori già disgustati dai balletti di governo creano caos mentre, preparano ad ogni tipo di rischio sociale . I cittadini connessi stanchi e sfiduciati disdegnano le urne !
    Impossibile avere assicurazioni chiare o garanzie governative, gli esponenti politici sanno omettere ogni disegno mediante fiumi di parole poco o niente convincenti !
    Dove … di grazia …dobbiamo stipare questi disgraziati che, con ogni tempo o condizione climatica si avvicendano nelle opportunità sgangherate offerte dalla carità… s cristiana??

  2. La questione non è di facile soluzione, a meno che non si voglia usare la forza delle armi e anche questa costa.
    Infatti, c’entrano, come al solito, i soldi. Una volta partiti, la nazione di provenienza del rifugiato non accetta il rientro se non con un congruo “compenso”.
    Il ministro Minniti aveva predisposto il rientro in Tunisia di un bel numero di persone senza il permesso di
    soggiorno, ma il governo Tunisino ha richiesto mezzo milione di € a cranio e… non se n’è fatto più nulla (come riportato dalla stampa nazionale recentemente). Anche l’ “Aiutiamoli a casa loro” costa ed è rischioso, perchè i soldi vanno in mano a governanti che non sanno governare, da cui, infatti, le popolazioni fuggono.
    Dunque, non si possono semplicemente catturare ed accompagnare alla frontiera. Non si può sparare sulle barche, non si può ributtarli nelle acque internazionali, nè catapultarli dagli aerei in volo. O no?
    Naturalmente, è molto più facile suonare la grancassa dell’indignazione e della insofferenza che proporre soluzioni, come si è fatto anche in questo articolo. Ma non si deve dimenticare, che soprattutto in periodo elettorale, la polpetta dell’immigrazione è molto appetibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *