Home > procida > eventi > Le procidane racchiuse in un calendario

Le procidane racchiuse in un calendario

procidaneIl prossimo 23 Maggio, alle ore 18,30  presso la libreria “Nutrimenti Bookshop”, in via Roma, sarà presentato il calendario “Le Procidane”. L’iniziativa è di Donatella Pandolfi  e Elisabetta Montaldo che hanno  lavorato a ricostruire l’antico abito procidano su alcune donne e alcuni uomini di tutte le età ricreando un piccolo ambiente secondo le tradizioni dell’isola sia nel costume che nell’ambientazione immortalando il tutto in una serie di scatti tali da diventare un calendario.

«Il costume delle donne di Procida, con il linguaggio delle sete colorate e dei ricami in oro zecchino – dice Elisabetta Montaldo – racconta tutta la storia dell’isola più marinara. L’origine dell’abito affonda nel medio evo islamico e bizantino rivelato nel taglio geometrico dell’abbigliamento orientale e nei ricami massicci ispirati ad onde e conchiglie che celebrano con la loro opulenza la potenza femminile. Alcuni di questi capi, fotografati per la prima volta nel calendario indossati dalle belle di ogni età, sono datati tra la metà del settecento e l’ottocento: un’epoca di particolare prosperità per la millenaria navigazione e cantieristica procidana. Con quest’opera – conclude la Montaldo – ho voluto rappresentare e omaggiare le donne dei marinai, le custodi dell’isola e le eccelse artigiane dell’ago, come le omaggiavano i loro uomini ricoprendole d’oro e tessuti d’oriente».

Per l’allestimento del calendario le foto sono di Donatella Pandolfi, i costumi di Elisabetta Montaldo, i gioielli di Maddalena Costagliola di Polidoro; hanno collaborato, inoltre, ‘Slowcostumes’-Roma- e tante famiglie procidane.

Potrebbe interessarti

“Stelle su Procida”: Del Prete, Gragnaniello e Sannino in concerto in piazza Marina Grande

PROCIDA – Questa sera, nella suggestiva e spettacolare cornice di piazza Marina Grande, serata finale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *