'A Mamma

MAMMA

Tu che me mbarat a camminà

Mo’, m taggia scurdà.

Tu t preoccupav si m riv nu cucchiariell cucente

Mo’ t s’affligge u core sul si teng nu mal e dente,

Mo’ me fatt ruosso cu tanta stient

So passat sti iuorni comm’a nient

Ce simm spartut e stamm luntani

Ma i te penso sul guardenno i mani.

I me risollevo pur cu i muorzi chiù amar

Pecchè “mamma” è a parola chiù car,

Ne puonn esse cient e te tarttano cu bianchi guant

Ma e mamma ce ne sta una sultant.

Si a mamma e una sola!

Curva, Storta o comm sia

A mamma chiù bella e chiù cara è a mamma mia!

(Perillo)

Potrebbe interessarti

Federconsumatori Campania ha incontrato il Sindaco di Procida relativamente ai rimborsi dell’IVA applicata su TARSU – TIA

Martedì 24 aprile il Sindaco di Procida, Vincenzo Capezzuto ha incontrato il Presidente regionale di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.