Home > procida > ambiente > Procida: Arriva il vademecum per i velocipedi

Procida: Arriva il vademecum per i velocipedi

bici e bipaEd arrivò anche la tanto richiesta regolamentazione per i velocipedi. Dopo le insistenti richieste di una fetta consistente di cittadini che, in modo particolare sui social, ma non solo, chiedevano maggiori controlli nei confronti di utenti della strada, piuttosto indisciplinati, con nota del 4 luglio scorso, assunta al n.11539 del Protocollo Generale del Comune, il Sindaco Dino Ambrosino, ha emanato un vademecum nel quale ricorda le regole di comportamento da tenere.

La capillare diffusione di velocipedi, in modo particolare di bici elettriche – scrive il Sindaco dell’isola di Graziella – impone la necessità di raccomandare  ai ciclisti il rigoroso rispetto delle norme del Codice della Strada per la tutela di tutti gli altri utenti delle nostre strade.

Allo scopo si ricorda che: 1) i ciclisti devono procedere adagio e con prudenza, rispettando il limite massimo di velocità di 25 Km orari; 2) i velocipedi rientrano nella categoria dei veicoli e, quindi, devono rispettare gli stessi sensi di marcia imposti ai mezzi di trasporto, ad eccezione di via Vittorio Emanuele – nel tratto compreso tra San Giacomo e Piazza Olmo – e di via M. S. Pagliara, dove ad essi è  consentito il transito a doppio senso; 3) i velocipedi possono essere condotti a mano nelle strade percorse in senso vietato; 4) è fatto obbligo, per legge, dotarsi di dispositivi di frenatura efficienti su entrambe le ruote, di un campanello, di luci anteriori bianche o gialle e posteriori rosse, sui pedali vanno applicati i catadiottri gialli; 5) non è consentito circolare con più di una persona a bordo. I maggiorenni possono trasportare un bambino fino ad otto anni di età e solamente con l’impiego di un apposito seggiolino: a)anteriore fino a 15 KG di peso; b) posteriore altre i 15 KG.

Si invitano, pertanto – conclude il Sindaco Ambrosino – tutti i cittadini alla massima collaborazione al fine di assicurare la sicurezza sulle nostre strade. Le Forze dell’Ordine avranno cura di vigilare sulle disposizioni previste dalla normativa vigente”.

Sempre alla Forze dell’Ordine, nei giorni scorsi, un cittadino, Pasquale Carabellese, si è rivolto con una nota nella quale scrive: “per favore, qualcuno faccia capire ai genitori che non è così che si va per strada sulle bici con i loro pargoli: per la loro incolumità e la tranquillità di tutti. Per favore, qualcuno spieghi alle bici che il contromano è contromano anche per loro. Ed è pericoloso anche per loro, specie sulle curve. E anche nel divieto. Far favore, qualcuno rimandi a casa bici non a norma e false bipa (Quelle con acceleratore e/o motorino indipendente sono motorini: senza targa, senza casco, senza assicurazione).Credo che abbiate qualche idea di quanti ne circolano nelle ore di divieto, ciechi, muti, ubriachi, invisibili, da giardino, frecce multicolori. E in che modo”. Staremo a vedere se ci saranno miglioramenti.

Potrebbe interessarti

CALENDARIO EVENTI UILDM TELETHON 2015 PROCIDA

Eventi promossi dall’Associazione UILDM MERCOLEDI’ 16 SETTEMBRE ORE 20:30 “UNA CENA PER TELETHON” RISTORANTE AD …

3 commenti

  1. Voglio proprio vedere se il Comune o i sig. Vigili fanno rispettare questo vademecum.
    Sono le 19:25 circa e continuano a circolare veicoli di tutti i tipi .
    Non riescono con le auto figuriamoci con le bici. Qua ci vuole doretto.

  2. paolo e. di costanzo

    ottima iniziativa, CHIEDEREI QUALCHE INCONTRO PER SENSIBILIZZARE I GENITORI.

  3. Ottima iniziativa,ma ai vigili di Procida e’ consentito solo di controllare il traffico (i modo del tutto discutibile),perche’ ogni tanto come nel loro dovere non controllano le norme igieniche e la sicurezza nelle varie attivita’ commenciali:non voglio pensare che non siano in grado.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *