vincenzo capezzuto jr
vincenzo capezzuto jr

Procida: CAPEZZUTO JR SBATTE LA PORTA!

vincenzo capezzuto jrBreve intervista con il consigliere Capezzuto jr che di recente ha rimesso la delega al Turismo nella mani del sindaco a cui ha chiesto di dimettersi e indire nuove elezioni.

Prima assessore, poi consigliere delegato ed ora addirittura all’opposizione? Tutto per dissapori con alcuni commercianti?

Capita anche questo in politica se non senti intorno a te il senso di squadra ed il rispetto dei ruoli che la macchina amministrativa dovrebbe imporre.
Ci tengo poi a specificare che la mia rinunzia alla delega al Turismo non è affatto legata ad un piccolo malinteso con Rete Imprese Procida di cui, nonostante le velleità politiche che qualche singolo nascoste dietro l’associazionismo, nutro un profondo rispetto. Anche perché se solo avessero visto il lavoro svolto insieme allo staff Turismo in questi mesi di certo ne sarebbero stati entusiasti.

E perché non mostrarlo questo lavoro?
Volentieri. Sono disponibile a qualsiasi incontro anche perché spero che non vada tutto perso visto che in tale progetto sono stati coinvolti talmente tante persone e realtà associative tutte procidane che hanno condiviso in pieno l’idea base ossia quella di valorizzare esclusivamente le nostre eccellenze.

Ci Puoi elencare qualche iniziativa?

Ne posso elencare tantissime.
Avevamo istituito la “Primavera del Monumenti” al fine di dar pubblicità ed anche qualche risorsa economica in più alle quattro piccole realtà museali dell’isola. Da domenica delle palme si dovrebbe partire con le domeniche ecologiche. Abbiamo scadenzato ogni iniziativa ed avremmo riproposto da aprile a settembre le nostre storiche sagre (carciofo, limone e limoncello, benvenuta estate, vino). La Sagra del Mare sarebbe stata totalmente affidata alle eccellenze procidane così da non dover più rincorrere ad artisti sul viale del tramonto che sottraevano all’isola solo risorse. I mesi caldi sarebbero stati un alternarsi di iniziative di piccole e grandi artisti nostrani come i concerti dei nostri cori polifonici, della nostra banda e come le splendide iniziative musicali quali “Cortili in Musica”, “Corricella Jazz” e il Marine Music Expò. Si sarebbe poi data la massima visibilità ad eventi culturali quali quelli del Ritual Project ed il ripristino di Portoni Aperti.
Luglio sarebbe stata il mese dedicato ai bimbi con tanti ed affascinati eventi in collaborazione con l’associazione Vivara e a settembre ci sarebbe stato il Festival del Tango. Oltre poi alla partecipazione alla festa di S. Anna a Ischia e alla festa al Monte di Procida a ferragosto. E’ stata organizzata poi una mostra internazionale chiamata “Procidamerica” con le artiste della Hudson Valley e un gemellaggio con la cittadina francese di Saint Maindreu. Potrei continuare ancora a lungo ma finirei per riempire molte più pagine del giornale e non credo sia corretto.

E non si potrebbe evitare che tutto vada perso?

Certo. Basta volerlo e che il mio successore mantenga i patti presi e garantisca la realizzazione del progetto. Sarei ben lieto di dedicare tutto il mio tempo a tale fine.

A proposito. Chi sarà il successore?

Non saprei proprio. Se potessi scegliere indicherei senza ombra di dubbio l’assessore Maria Capodanno che pur tra mille difficoltà continua a dimostrare di saper meglio di chiunque altro coniugare il ruolo di amministratore e quello del politico.

Ma se il problema non è stata la piccola discussione con Rete Impresa perché dimettersi?

Perché ancora una volta ho visto compromettere il lavoro di mesi per soddisfare le esigenze di qualche singolo e delegittimare il mio ruolo già fin troppo martoriato dal recente squallido rimpasto di giunta.

Leggendo le sua rinuncia alla delega pare capire che si è anche escluso dalla maggioranza arrivando addirittura a chiederne le dimissioni.

Circa la maggioranza c’è da fare due discorsi. Il primo di carattere personale legato alla profonda delusione verso persone che ritenevo amiche e dalle quali, eccetto per l’assessore Maria Capodanno ed il consigliere Pasquale Sabia, non ho ricevuto alcun segnale di solidarietà. Il secondo di carattere politico visto che nessuno ha voluto finora fare un’analisi del voto delle recenti elezioni politiche da cui, a mio giudizio, la maggioranza ne esce totalmente martoriata. Ritengo che sia finita un’era politica e si debba avere la forza ed il coraggio di cambiare e fare quelle scelte nette e chiare che i procidani chiedono.

Tu che sei da sempre un attento studioso della politica nazionale che idea ti sei fatto di tutta questa confusione e nei panni di Bersani che strada perseguiresti per uscire dall’impasse?

Dai recenti fatti a mio giudizio sono emersi diversi punti certi. Il primo è che un centro destra senza Berlusconi non può più esistere e trovo squallide le manifestazioni dei suoi deputati sotto il palazzo di giustizia. Il secondo è che Grillo che personifica il malcontento mira a governare da solo e visto che non ci potrà mai riuscire continuerà nell’imporre un nuovo modo di democrazia diretta a tratti affascinante ed a tratti logorante e pericolosa. Bersani? Beh passerà alla storia come colui che è riuscito a perdere l’imperdibile. Per me deve solo dimettersi ed affidare l’unico vero grande partito italiano a Matteo Renzi, l’unico all’orizzonte che a mio giudizio possa traghettare il paese verso la Terza Repubblica e rispondere alle sempre più crescenti istanze provenienti dalla società civile.

Tornando a Procida hai idea invece di cosa accadrà?

Un po’ difficile e prematuro stabilirlo. Più ch altro c’è da capire se anche sulla nostra isola si possa realizzare un accordo pd-grillo o se questi decidano di andare separati. A destra, invece, è molto più semplice perché dopo le recenti dichiarazioni del sindaco di non volersi ricandidare e dopo il ritorno sull’isola dell’onorevole Muro credo che questi sia l’unico collante in grado di tener uniti coloro i quali ancora si identificano nelle recenti amministrazioni.

Ringrazio il consigliere Capezzuto per il suo tempo e il Coordinatore del Golfo Pasquale Raicaldo per l’ ospitalità!
Manuela Intartaglia

Potrebbe interessarti

sindaco capezzuto

Vincenzo Capezzuto: “Ho sempre improntato la mia azione politica ed amministrativa con l’obiettivo di dare risposte ai cittadini”

“Se due amici vogliono fare la stessa cosa prima o poi finiranno per litigare”. Può …

3 commenti

  1. il sindaco di Ischia Ferrandino è molto preoccupato.
    Senza di te, non sa come organizzare la Festa di S Anna.
    Chiamalo, grazie !
    ci vediamo da INTRALOT !
    *******ATTENZIONE QUESTO COMMENTO PROVIENE DAI PC DEL COMUNE DI PROCIDA******

  2. nunzio calabrese

    Capezzuto V. Jr, ha sempre sbattuta la porta… mi chiedo: forse forse
    saranno altri a sbattere la porta a lui? è una vita che: vado di la, vado di quà, vado fuori vado dentro,dammi quello, fai quello ecc,altrimenti vado via; ormai è pazziella infantile,voglio, voglio, voglio, il nocciolo della questione è,sarà la chiamata sempre a ……..
    bla bla bla, che prudito alle dita………… buona giornata a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *