Procida: Don Lello Ponticelli e la magia della parola.

di Francesco Marino

Si è chiuso lo scorso 10 agosto il periodo mariano a Semmarezio dove è ubicato il Santuario di Santa Maria delle Grazie Incoronata. Una folla strabocchevole ha seguito la liturgia di chiusura dell’83° anniversario dell’Incoronazione. Magia dell’oratore il novello parroco don Lello Ponticelli che è oramai un anno che ha sostituito l’indimenticato don Michele Autuoro chiamato a Napoli dal Cardinale Sepe.
Era dai tempi di Mons. Domenico Amalfitano che sulla scena ecclesiale procidana non appariva un oratore simile. La retorica come si sa è un arte eccelsa che è apprezzata soprattutto quando la parola alta si riempie di contenuti. Maestro di retorica fu Agostino d’Ippona, recente successo televisivo della RAI. Senza tema di smentite Don Lello, che è ancora in rodaggio come parroco, possiede il dono della retorica.
Per un mese intero ha riempito i riti mattutini mariani con le sue parole. E il passaparola è servito a riaccendere il fuoco dei devoti della Madonna procidana.. I fedeli sono aumentati di giorno in giorno e noi che abbiamo, come tutti sanno, il culto della memoria di questo quartiere e ne seguiamo il rilancio ne siamo i testimoni.
A chiusura del periodo mariano, struggente il canto antico di mons. Scotto di Pagliara: Madre si cara immagine”, cantata all’unisono dagli astanti. Così, grazie a don Lello Ponticelli un antico rito risorge. Ai politici il compito di rilanciare il quartiere.

Potrebbe interessarti

La Terapia della Pace

Di Michele Romano Siamo giunti al termine di un anno orribile ed apocalittico, con una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *