Procida. Finalmente la motovedetta sarà riparata!

SI RIPARA LA MOTOVEDETTA-AMBULANZA DI PROCIDA

COMUNICATO STAMPA – La motovedetta ambulanza CP 454, dislocata presso l’Ufficio Circondariale Marittimo di Procida ed in stato conservativo dal 10 agosto 2010, sarà a breve trasferita presso il cantiere navale che curerà l’esecuzione dei previsti lavori di ripristino della funzionalità operativa.

La ASL Napoli 2 Nord, alla cui proprietà si ascrive il mezzo navale, ha difatti, previa deliberazione del Commissario Straordinario ASL NA2 Nord n. 57 del 24.01.2011, approvato i lavori di riparazione della cosiddetta “Cicogna del mare” CP 454, aggiudicando al cantiere navale Pisano di Castel Volturno (CE) il piano dell’intervento manutentivo.

L’unità potrà quindi essere trasferita in cantiere già nel corso della settimana ventura, condimeteo garantite.

Giusta deliberazione n. 19 del 14. 01.2011, peraltro, il Commissario Straordinario, dott. Franco NARDONE, ha approvato la Convenzione per il servizio di trasporto infermi e traumatizzati con idroambulanze dalle isole del golfo di Napoli alla terraferma, stipulata presso l’Assessorato alla Sanità, il 14 luglio 2009, tra la Regione Campania, le ASL NA1 e NA2 ed il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e valida sino al13 luglio 2019.

I lavori di riparazione dell’idroambulanza avranno una durata presumibile di trenta giorni, a seguire i quali la motovedetta CP 454, già iscritta nel quadro del Naviglio Militare dello Stato, sarà riconsegnata alla Guardia Costiera di Procida in comodato d’uso gratuito, per essere riarmata con equipaggi costituiti dal personale militare del locale Ufficio Circondariale Marittimo, ai quali ne è demandata la condotta nautica su base continuativa, ventiquattro ore su ventiquattro, in attuazione a quanto disposto dall’art. 2 della Legge Regionale n. 2 del 11.01.1994.

Sarà, in definitiva, ripristinato il servizio pubblico oggetto della convenzione, ossia il trasporto urgente di pazienti in condizioni critiche e che necessitano di trattamenti sanitari non disponibili o non attuabili presso il Presidio Ospedaliero di Procida dall’isola verso la terraferma, ovvero ogni altra esigenza connessa a bisogni assistenziali gravi ed indifferibili, su indicazione della competente Centrale Operativa 118 della Recione Campania (C.O.R.E.).

Nelle more, la dott.ssa Maria Rosaria CERASUOLO della Direzione Sanitaria Santa Maria delle Grazie e Gaetanina Scotto di Perrottolo ha partecipato al Comandante del porto di Procida, T.V. (CP) Flavia LA SPADA, la necessità di predisporre, come previsto dall’art. 6 della Convenzione, un corso di informazione sulle dotazioni di sicurezza tecnico-nautiche presenti a bordo e sul relativo utilizzo in caso di emergenza, a favore del dipendente personale sanitario, eventualmente chiamato ad imbarcare in assistenza al paziente trasportato.

Procida, 04 febbraio 2011

UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO

DI PROCIDA

GUARDIA COSTIERA

Potrebbe interessarti

tonnage tax

Coronavirus e crisi globale: una riflessione sul mondo dello shipping

Di Nicola Silenti da ilsarrabus.news Mentre sui media imperversa la riflessione sui risvolti drammatici della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *