Home > procida > lavoro > Procida: Incontro tecnico Casartigiani e Kerakoll per parlare dell’evoluzione tecnologica nel comparto edile

Procida: Incontro tecnico Casartigiani e Kerakoll per parlare dell’evoluzione tecnologica nel comparto edile

PROCIDA – Giovedì 26 Ottobre alle ore 17,30 presso il Ristorante “La Torre” in via Giovanni da Procida 22, l’azienda Kerakoll e Casartigiani Edili Napoli hanno organizzato un incontro tecnico incentrato sui seguenti argomenti: I sistemi FRP e FRCM: stato dell’arte ed evoluzione tecnologica; Inquadramento Normativo per la qualificazione, accettazione e progettazione dei sistemi FRP e FRCM; Materiali, tecnologie e sperimentazioni universitarie per il rinforzo di strutture in C.A. e C.A.P; Materiali, tecnologie e sperimentazioni universitarie per il rinforzo e consolidamento di Tamponature, Rivestimenti di facciata e Murature Storiche; Gli strumenti di progettazione: Manuale Tecnico e Software di Calcolo GeoForce One. Relatore l’Ing. FULVIO BRUNO del Centro Studi Kerakoll. «Quanto previsto dal “Sismabonus”, che consentirà la detrazione del 70% solo intervenendo su struttura, elementi prefabbricati, impianti e macchinari – sottolinea Maurizio Frantellizzi, presidente Casartigiani edili di Napoli – ci auspichiamo che possa raggiungere il doppio obiettivo di avere immobili più sicuri e dare una spinta ad un comparto, quello edile, che ancora registra un segno negativo. Dal nostro punto di vista continuiamo con il programma di aggiornamento delle aziende che operano sull’isola di Procida, accompagnati in questo da aziende leader nei rispettivi ambiti di competenza che sono sempre pronte a consegnarci informazioni ed innovazione».

Potrebbe interessarti

Procida: Nasce il nuovo progetto sociale residenziale

PROCIDA –  «A seguito di un gran lavoro in sinergia tra i Comuni dell’ Ambito …

Un commento

  1. Essendo coinvolta in periodici e snervanti restauri edili, dovuti al mio ambiente abitativo
    deprivato da infiltrazioni esterne di varia provenienza, non riesco a comprendere i motivi
    di questa cosidetta crisi del settore edile .
    Mi pare impossibile che, imprese degne di questo nome, possano presentare
    carenze o difficoltù di ordinazioni . Certo se ci si ostina a reperire prodotti non corrispondenti
    a canoni equilibrati di qualità-prezzo o, si assumono imprese non qualificate in modo adeguat
    a tali impieghi,non si può trarre deduzione logica !
    Il mercato delle ristrutturazioni è saturo di ciarlatani e, se non oculata la scelta
    potrebbe penalizzare un settore che oggi resterebbe in notevole crescita, sopratutto
    in quei territori densi di storia e, con necessità di manutenzione e cura periodica e qualificata .
    Le attuali risorse di mercato sono idonee a clienti che come me non possono o vogliono
    abitare in moderni edifici d’edilizia popolare che nonriescono a coniugare
    i canoni estetici e funzionali preferiti dagli italiani .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *