Home > Acqua > Procida: La Riserva Naturale di Vivara senza piano antincendio

Procida: La Riserva Naturale di Vivara senza piano antincendio

Sembra un paradosso ma, mentre nei giorni scorsi è stato riparato un tubo d’acqua, collegato alla condotta sottomarina che porta l’acqua potabile ad Ischia Ponte, che ha sversato in mare, per mesi, circa 1000 tonnellate di acqua al giorno, l’apposita vasca di materiale plastico di 9000 litri, in sostituzione di quella usata nel 2006 andata distrutta, da sistemare nella radura nei pressi dell’edificio della “Casa Padronale”, non è ancora funzionante. Il motivo: manca l’allaccio alla tubazione dell’acqua. L’avvocato Mariano Cascone, presidente della fondazione “Ospedale Albano Francescano, l’ente proprietario di Vivara, rilascia una dichiarazione molto preoccupata che Domenico Ambrosino riporta dalla pagine de “Il Mattino”: “ A Vivara, se scoppia un incendio, non si potrà in alcun modo fronteggiarlo. Noi abbiamo adottato alcune misure preventive come la chiusura di alcuni varchi ai lati del cancello d’ingresso che consentivano l’introduzione abusiva sull’isolotto. Esiste e funziona il servizio di sorveglianza esercitato dai giovani della Protezione Civile isolana, a cui si aggiunge l’azione gratuita dei volontari della Lipu. Ma non basta. Va subito adottato il previsto piano “A.I.B”. Non c’è tempo da perdere”.
Di questo piano, che avrebbe dovuto essere funzionante dal 15 giugno, non c’è traccia. Eppure il comitato di gestione, presieduto da Maurizio Marinella, lo aveva approvato nel lontano marzo 2009. Prevedeva una spesa complessiva di 30.000 euro, con la citata vasca di 9000 litri di acqua dolce ( in caso d’incendio non potrà essere usata acqua marina per evitare danni alla preziosa vegetazione mediterranea) da prelevare dal serbatoio di adduzione idrica all’isola d’Ischia.

Potrebbe interessarti

EMERGENZA RIFIUTI IN CAMPANIA: STOP AL CONFERIMENTO DEL VETRO

PROCIDA – L’Amministrazione avvisa i cittadini e gli utenti tutti che, da oggi e fino a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *