Procida per tutti: Super green pass discriminatorio per gli abitanti delle isole minori

Procida – Il gruppo consiliare “Procida per Tutti” chiude il 2021 con una lettera indirizzata al Presidente del Consiglio Mario Draghi, al Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e all’associazione nazionale comuni isole minori (che di seguito riportiamo), nella quale chiede che venga rivisto il Super Green pass per gli abitanti delle piccole isole:

“I sottoscritti consiglieri comunali Aiello Rachele, Gentile Alessandra, Mammalella Celeste e Scala Menico sottopongono alla Vostra autorevole attenzione l’importante problematica di seguito rappresentata dopo aver premesso

  • Che la situazione di eccezionale diffusione del virus covid 19 deve essere affrontata con decisione e competenza scientifica e che certamente l’implementazione delle vaccinazioni e un elemento fondamentale e determinante;
  • Che il recente provvedimento del governo, con decorrenza dal 10 gennaio 2022, introduce la necessità della esibizione del super green pass per accedere ai mezzi di trasporto;
  • Che come è noto nelle isole minori il trasporto in terraferma e garantito solo attraverso traghetti o aliscafi e non può essere oggetto di organizzazione autonoma del cittadino isolano;
  • Che viceversa un abitante in terraferma non vaccinato può raggiungere, ad es un ospedale o una casa di cura, con mezzi propri come l’auto, la bicicletta, il ciclomotore oppure a piedi;
  • Che l’offerta sanitaria nelle isole, come Procida, non consente l’esecuzione nemmeno del più semplice accertamento medico con la necessità di trasferirsi in terraferma;
  • Che alla luce delle richiamate disposizioni, tale possibilità sarà preclusa dalle norme che entreranno in vigore dal prossimo 10 gennaio;

tutto ciò premesso i sottoscritti consigliere comunali porgono accorato appello affinché i destinatari della presente, ciascuno per le rispettive competenze, voglia adottare i provvedimenti utili ad eliminare tale paurosa discriminazione.

In attesa di cortese urgente riscontro e fiduciosi dell’attenzione che si porrà alla richiesta, cordialmente si saluta”.

 

 

Potrebbe interessarti

La Chiesa e la mancanza di vocazioni

Di Giacomo Retaggio Qualche giorno fa mi giunse un messaggio di don Vincenzo Vicidomini, parroco …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.