Procida. Sequestro petroliera italiana. Gli ostaggi contattano le famiglie

L’incubo sembra non finire. I giorni passano ma nessuna richiesta di riscatto pare sia ancora arrivata. Quel che è certo è che il mercantile è attraccato in un porto della Somalia, sorvegliato a vista dalla fregata Zefiro della Marina militare. Intanto l’ansia dei familiari cresce con il passare delle ore.

Le ventidue persone a bordo (per la maggioranza indiani, cinque sono italiani, di cui i tre campani) restano ancora nelle mani dei banditi. Un segnale positivo però arriva dal canale della comunicazione, riaperta solo da pochi giorni. Il telefono è squillato anche a Procida. Sabato il comandante Gerardo Lubrano Lavadera ha chiamato la moglie e domenica il terzo ufficiale Crescenzo Guardascione ha sentito i genitori. Nient’altro è trapelato sulle eventuali trattative in corso alla Farnesina, nemmeno dalla società degli armatori D’Amato.

Fonte: procidamia.it

Potrebbe interessarti

Federconsumatori Campania ha incontrato il Sindaco di Procida relativamente ai rimborsi dell’IVA applicata su TARSU – TIA

Martedì 24 aprile il Sindaco di Procida, Vincenzo Capezzuto ha incontrato il Presidente regionale di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.